Dicembre 21, 2021
Da Il Manifesto
55 visualizzazioni


Ancora perquisizioni, ancora plusvalenze. Stavolta nella sede dell’Inter e della Lega calcio. La Guardia di Finanza, su indicazione della Procura di Milano, è andata alla ricerca di documentazione contabile sulle operazioni di mercato della società nerazzurra tra il 2017 e il 2019. Indagine a carico di ignoti per false comunicazioni, era stata la Gdf a fornire un’informativa alla procura milanese sulla criticità nei bilanci interisti in merito a una decina di operazioni su calciatori di livello minore.

L’INTER ha ribadito che non ci sono indagati, gli accertamenti della Guardia di Finanza sono avvenuti anche nella sede della Lega calcio e in quella del Milan, dove non sono state ravvisate irregolarità. Intanto ieri si sono registrati calciatori positivi e partite non giocate, nel calcio, anche nel basket italiano. Molecolare positivo per Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli, positivo dopo essersi sottoposto la scorsa settimana al booster e contagio anche per l’attaccante della Lazio Ciro Immobile. Segnali pericolosi, per ora i casi Covid in A sono pochi, nelle scorse settimane un paio di contagiati alla Roma e al Napoli, ma il rischio è che entro pochi giorni, in linea con il trend dell’Italia che vede crescere contagi, morti e ospedalizzazioni, la Serie A si metta in scia alla Premier League, ma anche della Bundesliga, che dal 28 dicembre proseguirà con partite a porte chiuse. Otto partite rinviate nello scorso weekend nel torneo inglese, cluster al Tottenham, al Liverpool. La Premier, se l’incidenza dei casi non accennasse a rallentare, con la variante Omicron che spaventa il Regno Unito, potrebbe essere sospesa fino a metà gennaio. Un’eventualità che non dovrebbe toccare la Serie A, anche se ieri a causa della pandemia, come un balzo nel recente passato, non si è giocata Udinese-Salernitana.

IL CLUB campano (per cui la Figc non ha concesso deroghe, deve essere ceduto entro il 31 dicembre, senza acquirenti sarà estromessa dalla Serie A), su indicazione dell’Asl locale, non è partita per il Friuli dopo l’accertamento di tre atleti positivi a distanza di poche ore l’un dall’altro. Secondo il (più che discusso) regolamento, l’Udinese si è presentata in campo con la terna arbitrale e con ogni probabilità il giudice sportivo concederà il successo a tavolino all’Udinese, in attesa, come avvenuto per l’ormai celebre Juventus-Napoli, del ricorso che dovrebbe portare alla disputa della gara in data da destinarsi. Nei giorni scorsi è stata rinviata per diversi casi Covid-19 anche Benevento-Monza, in Serie B. E’ la legge di Omicron, la causa principale dello spostamento a settembre (oggi l’ufficialità) della Coppa d’Africa, che sarebbe dovuta partire il 9 gennaio in Camerun.




Fonte: Ilmanifesto.it