Novembre 3, 2021
Da Infoaut
100 visualizzazioni


La pioggia tanto temuta non è arrivata, e abbiamo avuto l’occasione di documentare i rifiuti e l’inquinamento che le attività militari lasciano nelle nostre spiagge.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Le immagini e i video saranno divulgati nei prossimi giorni. Intanto partiamo dalla cronaca di una giornata in cui abbiamo, ancora una volta, bloccato lo svolgimento delle esercitazioni militari. Hanno preferito non sparare e bombardare, mentre più di 300 manifestanti potevano testimoniare su quello che ogni giorno la nostra terra subisce da settant”anni.

Nonostante lo schieramento poliziesco, un gruppo di manifestanti è riuscito a tagliare le reti e ad entrare nel poligono. La reazione di polizia, carabinieri e finanzieri è stata violenta, con cariche ingiustificate in una spiaggia pubblica e inserita nel percorso autorizzato del corteo. Tuttavia alcun* sono riusciti a entrare e documentare lo schifo prodotto dalle esercitazioni militari.

Riprendiamoci la nostra terra, A Foras!

Da A Foras

Potrebbe interessarti

  • ||||

    Operazione Lince è il nome del processo ai danni di 45 militanti del movimento sardo “A-Foras” che si batte contro la

  • ||||

    Il Tribunale di Cagliari ha deciso di rinviare a giudizio 45 militanti antimilitariste/i del movimento sardo A Foras, mantenendo per 5 di loro

  • ||||

    Insieme ad un compagno sardo, che vive in uno dei comuni interessati dagli incendi, parliamo della situazione attuale degli incendi, dell’autorganizzazione popolare in

  • ||||

    Si sta svolgendo in questi giorni “Falcon Strike“, l’esercitazione internazionale congiunta tra le forze aeree di Italia, Israele, Gran Bretagna e Stati Uniti

  • ||||

    Sappiamo che da diversi decenni, la Sardegna è occupata militarmente e soggetta a servitù militari in gran parte del suo territorio. Qui eserciti




Fonte: Infoaut.org