Novembre 20, 2022
Da Umanita Nova
240 visualizzazioni

La guerra in Ucraina ha attirato l’attenzione di tutti per oltre otto mesi. Molti sono rimasti inorriditi dalle atrocità che accompagnano gli sforzi bellici e che continuano. Vediamo soldati morti, civili torturati, facce tristi di coloro che hanno trovato i loro parenti uccisi e grida felici di gente del posto nei territori disoccupati. Tuttavia, non si sa molto di uno dei gruppi più emarginati e invisibili della popolazione: i prigionieri. Questo testo vi darà una panoramica di come i prigionieri vengono trattati e usati in guerra sia dallo stato ucraino che da quello russo. Non tratteremo il tema dei prigionieri di guerra (soldati catturati dal nemico e posti in una regime speciale) poiché le loro condizioni di detenzione e le prospettive di rilascio dipendono in molti modi dalle relazioni diplomatiche.

PRIGIONIERI ALL’INTERNO DELL’UCRAINA

Secondo il ministero della giustizia ucraino, nel 2021 c’erano 49.823 prigionieri, detenuti in 160 istituti penitenziari. Poco prima della guerra, l’Associazione degli osservatori ucraini dei diritti umani sull’applicazione della legge  UMDPL ha esortato il governo ucraino ad adottare misure per proteggere la popolazione carceraria e preparare le linee guida di emergenza per il personale carcerario in caso di guerra. Diversi mesi dopo l’inizio della guerra, la maggior parte del personale non sapeva ancora cosa fare se fossero state necessarie evacuazioni di emergenza. La fornitura del trasporto per i prigionieri rimane di competenza delle autorità locali, che – com’è comprensibile – si occuperanno principalmente della protezione e dell’evacuazione dei dipendenti statali e delle loro famiglie, seguite dal resto della popolazione civile. L’evacuazione dei luoghi di detenzione semplicemente non è avvenuta, come è stato nel 2014-2015 nel Donbas. E non è solo la mancanza di linee guida per l’evacuazione. Le autorità nazionali non hanno inoltre fornito istruzioni su come affrontare la situazione quando una prigione viene bombardata. Una cosa che si potrebbe fare per migliorare la situazione è il rilascio anticipato di alcuni incarcerati, in particolare quelli detenuti nelle unità di riabilitazione sociale che possono andare al lavoro durante il giorno e tornare la sera. Tuttavia, sono necessari come forza lavoro. Anche molti detenuti chiedono la libertà condizionale, ma la situazione attuale e i problemi di corruzione impediscono il normale funzionamento dei tribunali. Tutto richiede molto più tempo. Non è stato proposto nessun altro meccanismo per lo scarico dei luoghi di reclusione, ad esempio attraverso una procedura semplificata per la modifica delle restrizioni istruttorie (dalla custodia agli arresti domiciliari o il rilascio su cauzione) o la sospensione della pena. Per quanto riguarda l’evacuazione, è avvenuta con grande ritardo, se non per niente. Diversi funzionari hanno riferito che da 40 (ad aprile) a 10 (a maggio) strutture sono state evacuate. Il ministro della giustizia ha spiegato che il ritardo è dovuto alla difficoltà di sapere quali regioni sarebbero state attaccate, il che non è vero perché si potevano almeno svuotare le carceri vicino al confine russo, soprattutto tenendo conto che ci sono numerose strutture di detenzione temporanea abbandonate o chiuse poco prima della guerra. Per lo più le strutture sono state evacuate all’interno della stessa regione o in regioni limitrofe. Un regolamento sulle evacuazioni e sui trasferimenti è difficile da attuare perché dovrebbe essere fatto su rotaia. Questo è stato un problema anche prima della guerra. La rete ferroviaria attraversa alcuni centri di custodia cautelare ed è molto difficile coordinarsi. Sarebbe diverso, ad esempio, con gli autobus. Inoltre, secondo la Ukrainian Unity Alliance, i prigionieri hanno subito la repressione durante il loro trasferimento ad altre istituzioni. Si è verificato un incidente durante l’evacuazione della prigione n. 88 a Tokmak, nella regione di Zaporizhzhia. I prigionieri sono stati portati in un’altra prigione nella regione di Kirovohrad, dove sono stati picchiati massicciamente all’arrivo, provocando uno scandalo. I prigionieri che si sono lamentati sono stati costretti a ritirare le loro richieste e quelli che non lo hanno fatto sono stati trasferiti nella regione più vicina alle ostilità, nella regione di Mykolaiv.

Cosa succede con le strutture nel territorio controllato dall’Ucraina vicino alla linea del fronte?

I prigionieri rimangono regolarmente senza acqua o elettricità durante i blackout e i danni ai sistemi idrici causati dai bombardamenti. Si riferisce che anche i prigionieri partecipino allo sforzo bellico. Ad esempio, le prigioniere cuciono uniformi, altre realizzano reti mimetiche e combattono contro la propaganda russa commentando articoli online nei canali di informazione russi e chiamando i cittadini russi per informarli sulla guerra. Secondo i dati forniti dal ministero della giustizia ad aprile, il centro correzionale di Mensk n. 91 nella regione di Chernihiv, dove gli ex agenti delle forze dell’ordine stanno scontando la pena, è stato effettivamente abbandonata dalle guardie. È chiaro che il loro rapporto con le forze di sicurezza ucraine ha messo questi prigionieri in una posizione particolarmente vulnerabile. Alcune strutture sono state colpite dai bombardamenti, causando danni agli edifici e ai muri delle prigioni. Alcune persone sono fuggite dopo un simile attacco attraverso un buco nel muro. Tuttavia, alcuni prigionieri sono stati feriti o sono morti dopo. Il ministero della giustizia sostiene che il personale carcerario stia trasferendo i prigionieri nei centri di accoglienza vicini alle zone delle ostilità. Anche se i rappresentanti del gruppo per i diritti umani di Kharkiv hanno smentito queste informazioni. Ci sono detenuti che soggiornano in unità di riabilitazione sociale aperte e possono uscire per lavorare e devono rientrare nell’unità di notte. Se non tornano, anche se c’è un bombardamento in corso, sono considerati come evasi. Quindi i difensori dei diritti umani affermano che le loro condizioni dovrebbero essere urgentemente adattate ai tempi della guerra.

PRIGIONIERI SOTTO OCCUPAZIONE

Formalmente, il servizio carcerario ucraino ha confermato di aver perso il controllo su 33 strutture carcerarie. Considerando che il maggior numero di carceri ucraine si trova nell’est e nel sud dell’Ucraina, questo numero potrebbe essere molto maggiore. A causa della mancanza di procedure di emergenza in caso di guerra, le guardie in molte strutture non sanno cosa fare e hanno paura di agire senza un ordine dal centro, che a volte non arriva. Le guardie vengono interrogate dalle forze di occupazione militari russe e dagli agenti speciali russi e costrette a collaborare con le nuove autorità. Nella città di Starobilsk, circa il 90% degli ufficiali si è rifiutato di collaborare. Di conseguenza, sono stati sottoposti a maltrattamenti, violenze e torture. Alcune prigioni occupate, ad esempio nella regione di Kherson, sono ancora in contatto con le autorità ucraine centrali, mentre altre guardie si stanno lentamente subordinando alle autorità occupanti. In alcuni casi, le guardie hanno appena abbandonato le strutture e sono partite per i territori controllati dall’Ucraina. Alcuni guardiani hanno affermato di non aver ricevuto stipendi da marzo, ma di dover comunque andare a lavorare poiché non c’era alcuna direttiva da parte dei superiori. Solo a maggio è stato loro permesso di interrompere il servizio e rimanere a casa. La situazione nelle carceri nelle parti occupate dell’Ucraina è piuttosto caotica. In un centro di detenzione preventiva a Kherson, nell’Ucraina meridionale occupata, i prigionieri si sono ribellati mentre venivano tenuti dietro le sbarre in una detenzione preventiva prolungata senza una decisione ufficiale del tribunale poiché il sistema giudiziario ucraino nella regione era fuori servizio. La rivolta ha infine portato le forze speciali russe a entrare nel centro di detenzione all’inizio di maggio e ad uccidere un prigioniero ucraino. I russi impongono le proprie regole, che sono più dure di quelle ucraine che recentemente si sono evolute parecchio. Ad esempio, alcune categorie di detenuti hanno da poco ottenuto il diritto di avere telefoni cellulari, tablet, piccoli fornelli o persino frigoriferi. Tutto questo è proibito dalle regole russe. Ci sono rapporti secondo cui in alcune prigioni controllate dalle forze russe non c’è acqua, luce, elettricità. Nelle carceri controllate dalle autorità russe, tutte le comunicazioni con i prigionieri sono interrotte. La situazione del cibo, dei servizi sanitari e dei diritti umani nelle carceri occupate è generalmente sconosciuta. Non è chiaro se le autorità russe forniscano cibo nelle carceri dei territori occupati. Sembra che non siano interessati a prendere in consegna le carceri nella regione di Kherson e si affidino quindi agli agenti penitenziari ucraini. Tuttavia, la regione soffre di una carenza di cibo e le forze russe non consentono alcuna catena di approvvigionamento: non c’è modo di fornire aiuti umanitari. Alcuni prigionieri della regione di Kherson sono stati trasferiti in altre strutture di detenzione nei territori. Inoltre, gli invasori russi hanno istituito almeno 20 campi di filtraggio e prigioni all’interno delle aree temporaneamente occupate in Ucraina. Questi sono usati per processare i civili che vogliono trasferirsi da un insediamento occupato, in Russia o in Ucraina (ove consentito). Nei campi di filtraggio vengono interrogati e molestati.

PRIGIONIERI UCRAINI IN RUSSIA

Nel frattempo, ci sono anche ucraini che sono rimasti bloccati in Russia prima della guerra. Al 1 agosto, il Gruppo Helsinki di Mosca ha riferito che oltre 100 cittadini ucraini sono stati trattenuti nei centri di espulsione (quelli che hanno ricevuto la decisione sull’espulsione per violazioni minori e non possono essere espulsi da 8 mesi ormai perché è legalmente impossibile visto che i due paesi sono in guerra) e 245 ucraini che sono bloccati nei centri di detenzione preventiva perché avrebbero dovuto essere estradati in Ucraina su richiesta delle autorità ucraine prima della guerra. Alcune persone del primo gruppo sono state rilasciate con l’assistenza legale dei difensori dei diritti umani, altre non possono essere contattate perché l’FSB ritiene che siano sospette. Le persone che soggiornano nei centri di espulsione non possono ricevere lettere o pacchi di cibo, né ricevere visite dai familiari. Molti ucraini dei territori occupati sono stati portati con la forza in Russia e tenuti in centri di detenzione preventiva nelle cosiddette Repubbliche popolari o Russia. Le persone non ricevono quasi acqua e cibo, non sono consentite passeggiate, non hanno accesso alle cure mediche e sono soggette a varie forme di tortura, da quelle psicologiche a quelle fisiche.

USO PRIGIONIERI UCRAINI IN GUERRA

Circa 400 prigionieri che avevano esperienza militare, o che combattevano contro la Russia nell’est dell’Ucraina, sono stati rilasciati nelle prime settimane di guerra per combattere contro gli occupanti russi. Si dice che il numero di coloro che vogliono arruolarsi nell’esercito sia molto più alto, anche se il loro mandato sarà sospeso, ovvero dovranno rientrare in carcere dopo la guerra. Allo stesso tempo, il primo passo compiuto dalle forze di occupazione russe non è solo quello di controllare i territori con le forze militari, ma anche di compiere un’indagine approfondita sulle attività delle strutture carcerarie. Tra le altre cose, mirano a identificare coloro che potrebbero combattere per conto delle forze russe e sono fedeli alle nuove autorità. Il ministero della difesa russo ha affermato che gli ucraini usano i prigionieri di Kharkiv per tappare i buchi nelle unità dell’esercito. A loro volta, le autorità ucraine hanno riferito che a Kherson i russi volevano armare 2000 prigionieri locali e costringerli a combattere l’esercito ucraino. Presumibilmente hanno ricevuto con la forza passaporti russi a Kherson e li hanno usati in un referendum sulla creazione della repubblica popolare di Kherson. Inoltre, i prigionieri sono stati costretti a scavare trincee per l’esercito russo, il rifiuto di farlo è stato violentemente represso.

USO PRIGIONIERI RUSSI IN GUERRA

Olga Romanova dell’organizzazione per i diritti dei prigionieri afferma che al 20 settembre circa 11.000 prigionieri dei penitenziari russi si sono uniti all’esercito, di cui 3.000 sono già sul campo di battaglia e centinaia sono stati uccisi. Il primo luogo in cui hanno cercato i volontari sono state le strutture speciali in cui sono detenuti ex appartenenti alle forze dell’ordine e poliziotti antisommossa. La maggior parte di loro ha rifiutato l’offerta. A fine giugno è apparsa la notizia di reclutatori del Gruppo Wagner (un’organizzazione paramilitare russa, di fatto l’esercito privato di Putin) che hanno iniziato a venire nelle strutture correzionali e hanno invitato i prigionieri a unirsi alla loro campagna militare. Hanno offerto un contratto confidenziale di sei mesi, la grazia presidenziale se sopravvivono, uno stipendio di 1.600-3.300 dollari al mese di servizio e 80.000 dollari alla famiglia se muoiono in battaglia. Nelle ultime settimane, il proprietario del gruppo Wagner, Evgeny Prigozhin, ha iniziato a visitare lui stesso i penitenziari e a parlare apertamente alla folla, invitando i “più motivati, viziosi e preparati a far parte delle brigate d’assalto”. Prigozhin era interessato principalmente ad assassini e rapinatori, ma andavano bene anche stupratori e prigionieri sieropositivi. Ha deliberatamente menzionato che l’80% di coloro che si uniscono non torneranno in vita. Tuttavia, circa il 20% della popolazione carceraria di solito accetta di diventare volontario. In alcune strutture l’amministrazione punisce chi rifiuta con privazione di telefonate, visite, scarcerazioni anticipate, ecc. Il reclutamento è in corso anche nei centri di custodia cautelare e ai detenuti viene promessa la revoca delle accuse. I prigionieri che sono andati al fronte hanno riferito di non aver firmato alcun contratto (solo il patto di non divulgazione), il loro stipendio è 6 volte inferiore a quello promesso, vengono messi in battaglia per primi e sono seguiti da unità antiritiro di guerrieri Wagner. I corpi di coloro che muoiono non vengono nemmeno prelevati dal campo e i loro parenti in realtà non ricevono alcun compenso, poiché ufficialmente il loro parente non ha fatto parte della guerra e il suo nome non si trova in nessun elenco.

PRIGIONIERI NEL DONBAS PRIMA DELLA GUERRA

Al fine di prevedere la situazione dei prigionieri nei territori occupati se la guerra continua, abbiamo esaminato un esempio di trattamento riservato ai prigionieri quando sono state annunciate le repubbliche di Luhansk e Donetsk nel 2014. L’evacuazione dei luoghi di detenzione potrebbe semplicemente non avvenire, come è avvenuto nel 2014-2015 nel Donbas. All’epoca c’erano 36 strutture, compresi istituti penitenziari per donne e bambini, nelle regioni di Donetsk e Luhansk. La maggior parte delle 28 strutture si è trovata nel territorio occupato, con un massimo di 15.000 persone rimaste lì. Durante i 5 anni (2014-2019) della guerra ucraino-russa, i combattenti hanno consegnato solo 394 prigionieri dal territorio non controllato dal governo ucraino. Alcuni prigionieri sono stati detenuti senza alcuna base legale: o un processo in un tribunale di primo grado era incompleto, o la sentenza non è stata eseguita, o il tribunale stava usando una legislazione che non si applicava ai territori controllati, oppure avevano diritto all’amnistia o alla scarcerazione anticipata e così via. Molti hanno perso ogni possibilità di contattare familiari e amici, poiché i trasferimenti e le visite sono diventati impossibili. Se un prigioniero è stato rilasciato ma non ha un passaporto, non può attraversare il confine poiché i documenti di rilascio emessi dal DNR e LNR non sono riconosciuti nel resto dell’Ucraina. Non hanno soldi o vestiti caldi. Durante i tempi del COVID, prima della guerra, servivano uno smartphone e una sim-card per installare l’applicazione di quarantena per entrare in Ucraina, cosa che i prigionieri ovviamente non potevano avere. I prigionieri nelle regioni occupate di Luhansk e Donetsk sono sostanzialmente finiti come lavoratori forzati, sfruttati nelle zone industriali per l’arricchimento di altri. Il loro lavoro non retribuito produce blocchi di calcestruzzo, macchinari minerari su piccola scala, souvenir e così via. Tutti i detenuti sono costretti a lavorare: se non lo fanno, rischiano sanzioni come l’isolamento o l’abuso fisico. “Sono tutti coinvolti nella stessa cosa: una frode”, dice un anonimo residente di Horlivka che lavorava nel penitenziario. “Chiamano le persone – sia membri della famiglia dei detenuti che persone a caso – e le costringono a trasferire denaro su carte bancarie ingannandole. […] Suo figlio è stato coinvolto in un incidente stradale in cui qualcuno è morto e, a meno che non trasferisca un paio di migliaia di rubli, grivna o dollari, sarà imprigionato o ucciso. […] Si presentano come testimoni o addirittura come agenti di polizia. È lo stesso vecchio trucco, ma le storie sono tutte diverse e le persone sono pronte a consegnare il loro ultimo copeco per salvare la persona amata. L’amministrazione della colonia guadagna centinaia di migliaia al mese. È vero. Lavoravo là.” Nel 2015 i prigionieri del DPR si sono offerti di combattere dalla parte dei collaboratori.

CONCLUSIONE

Per quanto orribile possa sembrare, non sorprende che i prigionieri siano trattati come usa e getta dallo stato e dalla società o usati dallo stato come un gruppo facile da reclutare per morire in battaglia e salvare la popolazione autoctona.

ABC-Bielorussia




Fonte: Umanitanova.org