Maggio 27, 2022
Da Umanita Nova
181 visualizzazioni

Il leak di Politico riguardante la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di sospendere la sentenza Roe versus Wade ha riacceso una serie di proteste in tutti gli Stati Uniti. Secondo quanto riportato da realtà anarchiche ed antiautoritarie statunitensi, il rischio che si corre è non solo che l’aborto venga reso illegale in tutti gli Stati, ma che questa decisione possa fare da ariete nel bandire tutta una serie di normative legate più in generale alla salute riproduttiva, al riconoscimento dell’identità sessuale, dell’identità di genere ecc.

Abbiamo deciso di tradurre una serie di scritti, tra report ed articoli di analisi, pubblicati sul sito anarchico statunitense It’s Going Down durante il mese di maggio, per fare il punto sulla situazione e per mostrare in che modo le lotte per la difesa dell’accesso all’aborto si stanno svolgendo negli Stati Uniti, ed in che modo il movimento anarchico locale sta contribuendo.

Traduzione dell’articolo Protests Erupt Across the US As Supreme Court Moves to Overturn Roe vs Wade

foto: @VPS_Reports
Migliaia di persone si sono radunate e sono scese in piazza martedì, dopo che [il sito di informazione] Politico ha fatto trapelare una bozza di relazione della Corte Suprema degli Stati Uniti che afferma: “Riteniamo che Roe e Casey debbano essere annullati. La Costituzione non fa alcun riferimento all’aborto e nessun diritto di questo tipo è implicitamente protetto da alcuna disposizione costituzionale… La Roe era clamorosamente sbagliata fin dall’inizio“. Questa sentenza è probabilmente parte di un attacco più ampio ad una serie di diritti civili protetti dal “diritto alla privacy”, che include tutto, dall’accesso ai contraccettivi, ai matrimoni gay, alla fine delle cosiddette leggi anti-sodomia e alla separazione tra Stato e Chiesa.

(Per la loro economia si deve morire di covid, per la loro economia si deve morire di povertà, per la loro economia si deve morire di complicazioni di gravidanza, per la loro economia si deve morire di armi americane, per la loro economia si deve morire di disoccupazione e di debito.)

Come scritto in un report

Oltre al diritto all’aborto, una decisione della Corte Suprema che rovesciasse la Roe aprirebbe la strada ad un attacco frontale a tutta una serie di diritti democratici consolidati, noti come “diritti non enumerati” perché non esplicitamente menzionati nel testo della Costituzione, ratificata nel 1788. La posizione di[Samuel] Alito [,giudice della Corte Suprema], secondo cui non esiste un diritto all’aborto perché non era presente nella Carta dei Diritti originale, può essere applicata altrettanto bene ad ogni altro diritto stabilito nel corso dello sviluppo della società moderna, tra cui il diritto a un difensore pubblico, l’abolizione delle leggi anti-mescolanza [razziale], il divieto di preghiera obbligatoria nelle scuole e il diritto al matrimonio gay.

Se la Roe vs Wade verrà rovesciata o drasticamente attaccata, le persone povere e della classe operaia, soprattutto nelle comunità di colore, che sono già state colpite maggiormente dalla pandemia e dalle conseguenti ricadute economiche, saranno le più colpite. Questa realtà costringerà molti a cercare metodi non sicuri e potenzialmente mortali, come molti sono stati costretti a fare in passato. Stati come il Texas, che hanno spinto per la criminalizzazione sia di chi abortisce sia di chi lo pratica, creeranno un’atmosfera di potenziale violenza di estrema destra, di repressione statale e di paura generale per un altro aspetto della vita quotidiana.

(Non voteremo per uscire da questa violenza; le organizzazioni locali, i fondi per l’aborto e i gruppi di mutuo soccorso sono valsi il vostro tempo e le vostre risorse molto più di questi vampiri elettorali.)

Come ha scritto Natasha Lennard su The Intercept:

Un numero maggiore di donne e di persone incinte soffrirà e morirà; le persone nere povere saranno colpite in modo sproporzionato… La colpa è tutta della potente destra cristiana, aiutata e sostenuta da cinici fascistoidi di destra, che da decenni hanno messo nel mirino l’autonomia corporea delle donne incinte. Non risponderanno alla nostra rabbia e alle nostre proteste. Continueranno a portare avanti il loro programma autoritario. Nonostante le rivendicazioni sui diritti degli Stati contenute nel parere trapelato, scritto dal giudice Samuel Alito, è evidente che se i repubblicani riprenderanno il Congresso a novembre, cercheranno di far passare un divieto federale sull’aborto.

Questa fuga di notizie arriva a ridosso di una raffica di proposte di legge anti-LGBTQ e anti-aborto in tutti gli Stati Uniti, che hanno attaccato e criminalizzato la libertà riproduttiva, l’assistenza sanitaria e la comunità LGBTQ. I democratici hanno prevedibilmente risposto con appelli a donare e votare alle elezioni di metà mandato del 2022, rifiutando al contempo di emendare l’ostruzionismo e di inserire i diritti all’aborto nella legge. Inoltre, mentre alcuni Stati potrebbero potenzialmente muoversi per proteggere l’accesso all’aborto e coloro che arrivano nello Stato per ricevere i servizi, mentre altri spingono per criminalizzarli, continuiamo a correre verso una situazione molto simile a quella che esisteva prima della guerra civile.

(I movimenti patriarcali fascisti e autoritari hanno cercato a lungo di criminalizzare l’assistenza sanitaria e l’autonomia riproduttiva.
Le stesse forze ossessionate dalla violenza e dall’omicidio di massa, che utilizzano lo Stato come strumento di repressione contro la popolazione nel suo complesso, hanno cercato di criminalizzare la salute e l’autonomia riproduttiva.)

Come ha scritto Lennard:

26 Stati sono pronti a emanare leggi per vietare l’aborto quando la Roe sarà annullata e stanno approvando modi sempre più elaborati per criminalizzare gli aborti. Più di una dozzina di questi Stati ha recentemente approvato dei divieti nelle proprie legislature; altre leggi sono precedenti alla Roe ma rimangono in vigore e potrebbero tornare in vigore. Attualmente, solo 16 Stati e Washington D.C. hanno leggi che proteggono attivamente il diritto all’aborto.
Dopo la Roe sono previste importanti battaglie giudiziarie interstatali in questo senso: dalla sorveglianza dei viaggi interstatali delle donne e delle altre persone incinte, al funzionamento dei servizi di tele-assistenza che possono prescrivere pillole abortive attraverso i confini degli Stati, alla criminalizzazione di coloro che condividono risorse e supporto materiale per favorire gli aborti.

La spinta a criminalizzare la salute riproduttiva si inserisce in un contesto di massiccio trasferimento di ricchezza e di profitti aziendali da record, dopo due anni di pandemia mortale COVID-19. Tra l’aumento dell’inflazione, l’impennata degli affitti, l’inasprimento della repressione in patria e la spinta alla guerra all’estero, oltre alla crescente crisi climatica, le élite hanno raddoppiato la spinta verso la destra, abbracciando una guerra culturale che demonizza ulteriormente una serie di minacce inventate nel tentativo di distrarre la popolazione dai suoi veri nemici.

E se e quando la legge Roe vs Wade sarà abrogata, secondo il Washington Post:

I principali gruppi antiabortisti e i loro alleati al Congresso si sono incontrati dietro le quinte per pianificare una strategia nazionale che entrerebbe in vigore se la Corte Suprema dovesse revocare i diritti all’aborto quest’estate, compresa una spinta per un rigoroso divieto nazionale della procedura se i repubblicani riprendessero il potere a Washington.
Il compito che attende coloro che scendono in piazza in difesa dell’autonomia riproduttiva è molteplice. In primo luogo, non possiamo permettere che i gruppi della sinistra burocratica facciano marciare le persone in cerchio e nel terreno – uccidendo ogni possibilità di slancio, di azione diretta e di auto-organizzazione che si generalizzi e che sia effettivamente in grado di affrontare il potere e il capitale. In secondo luogo, dovremo costruire, organizzare e diffondere una cultura di base e un’infrastruttura di aiuto reciproco e di condivisione delle risorse di fronte alla crisi. Movimenti e progetti simili del recente passato indicano già cosa è possibile fare.

(In risposta alla notizia che la Corte Suprema è pronta a togliere la libertà riproduttiva a decine di milioni di persone, abbiamo preparato un poster e una selezione di altre risorse.https://t.co/wm5OWRLDN6

Stampateli, incollateli e scatenate l’inferno. 🏴 pic.twitter.com/56TzxHJNpy)

Dobbiamo anche lavorare per evidenziare non solo il fallimento dello Stato nel difendere e proteggere la libertà e l’autonomia, ma anche le insidie di una strategia elettorale nel proteggere le conquiste fatte dai movimenti di massa e la “resistenza” guidata e contenuta dal complesso industriale non-profit direttamente legato al Partito Democratico. Dobbiamo farlo senza perdere la fiducia nella nostra capacità di resistere alla repressione statale e di auto-organizzarci per soddisfare i nostri bisogni.)
Come scritto da CrimethInc:
Questa catastrofe ci costringe ad affrontare la legge stessa come qualcosa di ostile a noi. Se siete una persona che potrebbe mai avere bisogno di un aborto – o se vi preoccupate di una persona che potrebbe averne bisogno – o se credete che le persone meritino l’autodeterminazione corporea, lo Stato è il vostro nemico. Questo sistema ha dato a una manciata di individui, tra cui almeno due predatori sessuali impenitenti, il potere di bloccare l’accesso all’aborto a milioni di persone in tutto il Paese. Questo è coerente con l’agenda esplicitamente misogina e anti-trans del Partito Repubblicano e con la sistematica complicità del Partito Democratico.

[…] Molte città hanno visto alcune delle più grandi proteste dai tempi della ribellione di George Floyd. A Portland, in Oregon, e ad Austin, in Texas, si sono tenute dimostrazioni molto rumorose, mentre a Los Angeles, in California, la polizia ha attaccato i manifestanti mentre venivano effettuati arresti. Nel campus della University of North Texas, gli studenti sono riusciti a respingere un gruppo di Proud Boys che fungeva da sicurezza per un gruppo di autodefinitisi “fascisti cristiani”.

Nel link originale che abbiamo tradotto vi sono una serie di tweet contenenti foto, resoconti e video.

https://gruppoanarchicogalatea.noblogs.org/post/2022/05/26/proteste-in-tutti-gli-stati-uniti-mentre-la-corte-suprema-si-muove-per-rovesciare-la-legge-roe-vs-wade/




Fonte: Umanitanova.org