Ottobre 11, 2022
Da Collettivo Utopia
273 visualizzazioni

Trasmettiamo la registrazione della puntata Festa Farina e Forca

Festa, farine e forca sono le cinghie di trasmissione della “macchina spettacolo”. Forme egemoniche di ogni dominazione che si pretende democratica e insieme suo rovesciamento. La festa è uno strumento della politica, come la farina e la forca lo sono della persuasione. Insieme, dividono il mondo del lecito dallo spazio labirintico dell’avventura. Per lo spettatore avido la musica – nella sua apparenza – è soprattutto l’avanguardia del Carnevale. Ma il Carnevale è ben altro, è il tempo della diversità, come scrive Alessandro Fontana, fatta festa, della liberazione ludica, del timore fatto spettacolo. Ed è anche drammaticamente il suo contrario. Dal combattimento fra Carnevale e Quaresima di Brueghel il Vecchio, a Wight, a Woodstock, ai Lambri Italiani, passando per la manzoniana storia della colonna infame, la festa tenta disperatamente di aprirsi uno spazio a cui può solo alludere, uno spazio confuso e sempre immaginario che non può fare suo: lo spazio della scena reale. Lo spazio politico del sociale. Lo spazio del personale. Ecco, siamo su questo palco e suoniamo per voi, ma facciamo nostro il grido di avvertimento di Rousseau nella Lettre a D’Alambert: “No, non sono queste le feste del popolo… il popolo deve essere lo spettatore di se stesso, deve essere attore e vedersi e amarsi negli altri…”




Fonte: Collettivoutopia.noblogs.org