Agosto 9, 2022
Da Umanita Nova
64 visualizzazioni

Traduzione dell’articolo “Protests Against Attacks on Reproductive Freedom in Phoenix Face Police and far-Right Repression and Surveillance” a cura del Gruppo Anarchico Galatea – FAI Catania

Rapporto sulle manifestazioni in corso a Phoenix, in Arizona, in seguito all’annullamento della sentenza Roe v Wade da parte della Corte Suprema.

A partire da venerdì 24 giugno, quando la Corte Suprema ha rovesciato la sentenza Roe v. Wade, si sono svolte manifestazioni notturne nella cosiddetta Phoenix, in Arizona. A causa del caldo estivo, tipico di Phoenix, le persone si sono riunite dalla sera alla notte. Ogni sera questi raduni si sono svolti presso il Campidoglio, un luogo strategicamente problematico per le azioni dirette.

Protests in #Phoenix continued last night, as demonstrators tore down a fence that was erected around the capitol. Riot police made around a dozen arrests, including @NLGnews observers. pic.twitter.com/P0aokDEzCT

— It’s Going Down (@IGD_News) June 26, 2022

Il Campidoglio si trova a circa un miglio a ovest del centro di Phoenix e l’area che lo circonda è in genere poco trafficata, soprattutto di notte. Nella zona si trovano molti altri edifici governativi che, come il Campidoglio, sono tipicamente chiusi di notte. Questo rende il Campidoglio poco più che uno spazio per ascoltarci, parlare e cantare, mentre l’edificio stesso è vuoto e non c’è pubblico – a parte la polizia.

Storia degli eventi notturni

Durante la prima notte, i poliziotti hanno sparato gas lacrimogeni contro i/le manifestanti che si erano radunati all’esterno. Durante la seconda notte, i poliziotti hanno arrestato numerose persone, tra cui osservatori legali e media. Si veda qui e qui. L’agenzia che si è impegnata in questa repressione di Stato è il DPS (Department of Public Safety), la polizia di Stato. La terza notte, un gruppo di fascisti armati degli AZ Patriots – un noto gruppo di odio anti-migranti – si è presentato con armi da fuoco per intimidire i/le manifestanti.

Quella stessa sera la folla in protesta è stata presa dal panico e si è messa a correre per paura di un cecchino quando un dimostrante a favore dei diritti abortisti ha appoggiato una bandiera della Thin Blue Line a terra, bagnata dalla pioggia, e ha iniziato a imbracciare una pistola lunga per proteggersi dai fascisti. L*anarchic* lì vicino sono intervenut* rapidamente per fermare il panico e la maggior parte della folla è rientrata e la manifestazione è continuata. La persona con la pistola e la bandiera della Thin Blue Line è stata ingiustamente arrestata ma rilasciata poco dopo. Questa persona aveva intenzione di calpestare o bruciare la bandiera, come ha rivelato dopo che le è stato chiesto. Questo avrebbe dovuto essere ovvio per la gente, considerando che era a terra, bagnata, e non veniva sventolata o sventolata. La gente ha anche affermato che la persona non ha mai puntato la pistola contro nessuno.

Firing teargas right into the crowd straight from the Capitol windows https://t.co/XeZ59XVotJ pic.twitter.com/NwBtpTrSCt

— AZ Right Wing Watch (@az_rww) June 25, 2022

La seconda notte è stata eretta una recinzione intorno al Campidoglio, che è stata poi rinforzata per un totale di tre recinzioni, di cui quella centrale era costituita da filo a concertina. Ogni notte, diverse persone presenti alla manifestazione hanno riferito di essere state seguite fino alle loro auto da droni e veicoli della polizia. In alcuni casi, questi veicoli hanno continuato a seguire le persone che uscivano in auto per chilometri di distanza dal Campidoglio. Wesley Bolin Plaza, il parco di fronte al Campidoglio, è stato chiuso tutte le sere e la polizia ha spesso molestato, trattenuto o arrestato persone che semplicemente camminavano al suo interno, comprese le persone senza tetto che non facevano parte della manifestazione.

Inoltre, la gente ha iniziato a notare alcune persone tra la folla che si comportavano in modo sospetto o che erano state viste collaborare apertamente con la polizia. Un uomo bianco, presente da diverse sere, è stato seguito all’uscita e si è scoperto che era entrato in un parcheggio riservato ai veicoli statali e se n’era andato con un SUV blu che i manifestanti avevano visto seguirli nelle sere precedenti. Una donna bianca, che era una delle organizzatrici di alcune serate, è stata vista parlare ripetutamente con la polizia. Quando le è stato fatto notare più volte perché questo comportamento non è sicuro, si è messa sulla difensiva e non ha fornito risposte logiche. Nella settima serata (giovedì) l’intera folla parlava di lei mentre gli oratori discutevano al megafono sul perché è importante mantenere gli spazi il più possibile liberi da informatori della polizia. Quello che la gente non ha capito è che durante questa importante discussione, lei era seduta in fondo alla folla, al buio, vestita in black bloc. Quando è stata richiamata, se n’è andata immediatamente. Nessuno dei due è tornato la sera successiva.

First Friday Art Walk

Sono circolati molti volantini online che invitavano la gente a presentarsi in Campidoglio alle 19.00 di venerdì 1 luglio. Dopo essere arrivat* al Campidoglio, un folto gruppo di manifestanti, forse circa 1.000, stava marciando in strada sulla 17th Avenue in direzione sud verso il Campidoglio. Erano guidati da gente del servizio d’ordine che indossava gilet gialli con il logo del PSL (Partito per il Socialismo e la Liberazione – Phoenix). Uno di loro ha iniziato a parlare con la polizia in attesa all’angolo tra la 17th Avenue e Adams Street. Allontanandosi dalla polizia ha poi pronunciato ad alta voce il nome di un manifestante in blocco nero all’angolo. Si tratta di una grave preoccupazione per la cultura della sicurezza. La grande folla, guidata dal servizio d’ordine del PSL, è stata scortata fino allo stesso parco che è stato chiuso ogni notte.

Membro del servizio d’ordine del PSL parla con la polizia a Phoenix, AZ

La grande folla era piuttosto separata, con persone sul prato del Campidoglio e persone in Wesley Bolin Plaza. Quando fuori si è fatto buio, tutt* si sono spostat* sul prato del Campidoglio. Sembrava che alcune persone che cercavano di guidare il raduno si aspettassero essenzialmente che 1.000 o più persone gridassero e cantassero attraverso una recinzione contro un edificio del Campidoglio vuoto per tutta la notte. Dopo che un megafono ha annunciato che le persone avrebbero smesso di cantare contro gli edifici vuoti e avrebbero invece marciato verso il First Friday, dove si sarebbero trovate migliaia di persone, la folla ha iniziato a farlo. Quando la folla ha iniziato a muoversi, il servizio d’ordine del PSL non era più visibile.

Centinaia di persone hanno occupato entrambi i marciapiedi lungo Van Buren Street e hanno marciato verso il centro. Man mano che ci si spostava verso il centro, il traffico e la visibilità aumentavano e molti pedoni e auto che passavano esprimevano il loro sostegno. All’arrivo nell’affollata area del centro di Roosevelt Row, dove si svolgeva il First Friday, un gran numero di persone su entrambi i lati della strada e nei veicoli ha espresso il proprio sostegno. Ci sono state alcune agitazioni da parte di oppositori, persone di destra e fascisti, tra cui una piccola rissa che è scoppiata ma che è presto terminata. Il gruppo ha marciato per gran parte del First Friday e poi, a metà strada, è rientrato in strada. Da quel momento in poi, si è trattato di un’azione di strada ed è tornato indietro dalla parte opposta prima di attraversare di nuovo la strada. Quando si è tornati verso il centro del First Friday, l’intera folla si è seduta all’incrocio in segno di protesta. A questo punto i poliziotti si sono radunati sempre più numerosi. Tuttavia, i veicoli contrassegnati erano più indietro a reindirizzare il traffico, mentre la maggior parte dei poliziotti che stavano relativamente vicini erano della squadra rossa della polizia di Phoenix o, come li chiamano loro, della “Community Response Squad”. La folla ha ignorato la polizia e non ha interagito con loro se non con qualche occasionale urlo “fanculo la polizia”.

Le persone hanno trascorso almeno mezz’ora o più in strada a questo incrocio, cantando e parlando a turno ai megafoni. Purtroppo, le azioni di strada sono relativamente rare a Phoenix a causa di una serie di dinamiche problematiche, tra cui la polizia ultra-repressiva e l’ambiente politico di estrema destra, le sospette tattiche di contro-insurrezione per dividere i gruppi prima che possano diventare efficaci, e il fatto che molti abitanti di Phoenix non sono di Phoenix, quindi ci sono spesso persone che si trasferiscono e si spostano, rendendo difficile avere una base solida, coerente e consistente di persone. Quindi, quando centinaia o più di persone scendono in strada durante un evento molto frequentato a Phoenix, di solito si tratta di un’azione diretta che ne vale la pena.

Recinzioni erette fuori dal Campidoglio dell’Arizona

Oltre alla discussione sui diritti dell’aborto, è stato affrontato anche il tema della cosiddetta Giornata dell’Indipendenza. Il consenso generale della folla è stato che non dovrebbe essere celebrato. Alcun* hanno discusso di bruciare le bandiere statunitensi. È stata fatta anche una sorta di riconoscimento della terra, ricordando che questa città, questo Stato e questo Paese sono terre rubate, che questa terra è territorio di Akimel O’otham e che il 4 luglio non dovrebbe mai essere celebrato.

Dopo un po’, la folla ha marciato verso il Campidoglio e si è conclusa la serata. I resoconti della gente indicano un arresto, ma per il resto i dipartimenti di polizia (Arizona DPS e Phoenix PD) sono stati per lo più inoffensivi. Gran parte della folla era bianca, quindi tra questo e il fatto che la polizia di Phoenix è stata messa sotto accusa per il trattamento riservato ai manifestanti nel 2020 – in particolare per le accuse di “gang” del 17/10/20 – hanno attenuato la repressione statale palese, almeno per la notte.

Questo avviene in un momento in cui recentemente April Sponsel, il procuratore dietro i casi di protesta criminale, è stata licenziata; Jeri Williams, il capo della polizia di Phoenix, si sta dimettendo; e Allister Adel, il più importante procuratore della contea, si è recentemente dimesso e poi è morto un mese dopo a causa di circostanze che sono state nascoste al pubblico. Detto questo, fanculo la Corte Suprema, fanculo il 4 luglio, fanculo la polizia e fanculo questo Stato colonizzatore. E fanculo al cis-etero patriarcato.




Fonte: Umanitanova.org