Maggio 8, 2021
Da COMIDAD
20 visualizzazioni


REAZIONI AVVERSE AI VACCINI COVID 19 (a cura di Mario C. “Passatempo”)

La vaccinolatria si potrebbe spiegare facilmente. Tutte le religioni si fondano sull’incertezza. Se l’esistenza di un dio fosse evidente, allora non ci sarebbe bisogno dell’apparato del culto, del clero e delle liturgie. La penicillina non è mai stata divinizzata perché era evidente che funzionava. Nel campo dei vaccini tutto è aleatorio, in base agli stessi dati ufficiali. Immunizzazione per tre mesi, otto? Boh! Due richiami, o meglio tre o quattro? Non rimangono che la fede e gli eventuali sacrifici umani.
Con l’augurio che i seguenti canali informativi (tutti di fonti istituzionali) possano far luce (piccola) su che cosa accade nell’ambito dei decessi e delle reazioni avverse a seguito della somministrazione dei vaccini, da definirsi più correttamente farmaci mRNA in fase di sperimentazione, autorizzati all’uso di emergenza non di licenza, (emergenza: merce per tutte le stagioni), si può prendere visione:

Situazione in Norvegia
Stato al 20 aprile:
Numero di persone vaccinate (prima dose): 1.089.699
Segnalate sospette reazioni avverse: 11,422
Sospette reazioni avverse valutate: 7108
23 decessi ( dato non aggiornato)

Situazione in Europa:
nella somministrazione dei tre farmaci sperimentali più usati si rilevano più di 350.000 casi di serie reazioni avverse:
COVID-19 VACCINE ASTRAZENECA
COVID-19 MRNA VACCINE MODERNA
TOZINAMERAN

 
Situazione nel Regno Unito, con percentuale altissima di persone vaccinate:
627 morti a seguito di somministrazione di vaccino di AstraZeneca
334 morti a seguito di somministrazione di vaccino di Pfizer- BioNTech.

Questo è il Database per trovare i dati sugli Stati Uniti.




Fonte: Comidad.org