Ottobre 29, 2022
Da Inferno Urbano
232 visualizzazioni

L’anarchico prigioniero Toby Shone sta combattendo una nuova battaglia mentre conta le settimane che lo separano dal suo rilascio, previsto per il 28 dicembre 2022.

Mentre il Regno Unito sta sprofondando in un qualcosa che assomiglia sempre di più ad una mediocre dittatura e a un ospizio vittoriano, Toby continua a essere preso di mira dal Servizio per la Libertà Vigilata, dall’Antiterrorismo e del MAPPA (Multi-Agency Public Protection Arrangements)(1) per i suoi “reati ideologici”, il suo “anarchismo” e il suo “stile di vita alternativo”.

A settembre, Toby è stato informato che l’ufficiale incaricato della sua sorveglianza, il Sig. Paul Smith, con sede a Cardiff, aveva prenotato per lui una serie di colloqui (senza darne comunicazione ai suoi avvocati come da procedura) con la psicologa forense dott.ssa Harriet Chapman del Centro di psicologia forense e criminologica dell’Università di Birmingham. L’intenzione della dottoressa Chapman era quella di interrogare Toby sulla base dello strumento di formulazione delle Linee Guida sul rischio di Estremismo, ERG22+. Questa valutazione, “destinata a persone che sono state condannate per reati di estremismo o correlati all’estremismo” (e lui non lo è stato), considera almeno 22 fattori in base ai quali un individuo può essere considerato un estremista e quindi essere soggetto a misure di de-radicalizzazione. Non siamo riusciti a trovare alcun documento pubblico che descriva in dettaglio questi 22 fattori o il modo in cui si svolgeranno questi colloqui.

Queste misure di de-radicalizzazione, in gran parte sperimentali e profondamente autoritarie, che sembrano essere attuate su base individuale, comprendono l’Intervento per una Sana Identità, il Programma di Desistenza e Disimpegno, l’Intervento Motivazionale e di Coinvolgimento e i Dialoghi di Sviluppo. Tutti questi programmi sono altamente invasivi e intensivi, progettati per indagare e smantellare la narrativa personale, l’infanzia e le influenze di un individuo preso di mira, per tentare di minare la sua critica dell’esistente, per isolarlo dalle sue relazioni e affinità e per rimodellarlo nel cittadino perfetto in condizioni di costrizione. Si pensi ai campi di rieducazione e all’indottrinamento politico. A tutti gli effetti si cerca di “patologizzare” il possesso di convinzioni anarchiche: l’anarchismo come malattia psicologica. Questa tattica di “psichiatria punitiva” è stata utilizzata da altri Stati autoritari, in particolare dalla Russia sovietica, dalla Cina e dagli Stati Uniti.

Naturalmente Toby si è rifiutato di collaborare, a quel punto ha ricevuto una lettera dai toni minacciosi da parte del suo responsabile per la libertà vigilata: “Sebbene lei abbia tutto il diritto di non impegnarsi in questo lavoro, la valutazione verrà effettuata indipendentemente dal fatto che lei prenda o meno parte attiva ad esso. Per il suo bene, tuttavia, sarebbe preferibile che la valutazione includesse la sua voce piuttosto che essere una semplice valutazione cartacea”.

Nonostante sia stato dichiarato non colpevole di reati di terrorismo nell’ottobre 2021, e il successivo rifiuto da parte di un giudice dell’Alta Corte della richiesta dell’accusa di una Sorveglianza Totale contro Toby sulla base della “Non Necessità”, i poliziotti hanno trovato alleati disponibili nel Servizio per la Libertà Vigilata. Anche se a questo punto non sembra esserci alcuna base legale per le loro richieste, i poliziotti e il servizio per la libertà vigilata stanno continuando a portare avanti le stesse accuse e le stesse prove, che non sono riuscite nemmeno a portare al processo dell’ottobre 2021, ma questa volta davanti a un giudice diverso.

Le restrizioni imposte, prese in considerazione dal Servizio per la Libertà Vigilata, dall’Antiterrorismo e del MAPPA sono ancora più estreme ed estese di quelle richieste nell’ambito della Sorveglianza Totale che Toby ha sconfitto nel maggio 2022. Toby è stato ricategorizzato dall’ufficiale incaricato della sua sorveglianza, incontrato una sola volta per circa 15 minuti, come un soggetto ad alto rischio in un nuovo rapporto OASIS (il precedente agente per la libertà vigilata aveva dichiarato che Toby era a basso rischio) ed è stato inserito nella MAPPA 4, livello 3, la categoria di rischio più alta secondo questa agenzia. Il tutto senza un processo o una condanna.

È chiaro che lo Stato di polizia britannico sta cercando di porre le basi per il LASIT (Terrorismo di sinistra, anarchico e monotematico). E Toby è il banco di prova.

Le condizioni previste includono:

– Nessun contatto con estremisti o persone arrestate per estremismo;

– Nessuna discussione (la condivisione di opinioni sarà considerata come “adescamento”, “radicalizzazione” e “predicazione”);

– Divieto di partecipare a riunioni o incontri se non per motivi di culto;

– Un solo telefono, che deve essere consegnato alla polizia ogni qualvolta venga richiesto, e da cui non può essere cancellato nulla senza previa autorizzazione;

– Toby inoltre deve soggiornare in un Approved Hostel (o Probation Hostels, strutture per la libertà vigilata) (2) per un anno.

Le prime due condizioni (contatti e discussioni) non stanno in piedi, se non si definisce bene chi e cosa è un estremista, e viene da chiedersi se per arrivare a un piano attuabile non si sottoporranno all’ERG22+ anche tutti gli amici e i compagni di Toby. Allo stesso tempo, sarà interessante e illuminante scoprire esattamente quali argomenti di conversazione e quali opinioni sono proibiti nella Gran Bretagna di oggi: nelle ultime settimane, abbiamo già visto che tenere silenziosamente e pacificamente un cartello anti-monarchia è un reato che prevede l’arresto.

Inoltre, un anno in una struttura per la libertà vigilata è una decisione senza precedenti e assolutamente non necessaria. Queste strutture sono destinate a coloro che hanno difficoltà ad “integrarsi di nuovo nella società”: persone prive di sostegno sociale, molestatori sessuali, tossicodipendenti e autori di reati violenti.

Nel Regno Unito ci sono più prigionieri politici che a memoria d’uomo. Il caso di Toby Shone – più di ogni altro – è di fondamentale importanza, poiché si tratta di un tentativo quasi extra-legale di criminalizzare e distruggere non solo un avversario che viene percepito come tale, ma anche l’insieme degli ideali e delle idee anarchiche e libertarie, in un momento in cui gli attacchi schiaccianti e senza scrupoli ai poveri danno a queste idee più forza e potenzialità che mai.

È tempo di smantellare qualsiasi linea di demarcazione che le persone possono ancora tracciare tra di loro nella speranza di apparire legittime agli occhi dello Stato. In particolare, in questi tempi, in cui la civiltà come la conoscevamo è al collasso, e si stanno creando le infrastrutture per la quarta e la quinta rivoluzione industriale, chiunque di noi abbia un briciolo di pensiero libero è una minaccia e un bersaglio. Questo attacco a Toby Shone non è un episodio isolato. In tutto il mondo, gli anarchici e gli attivisti vengono arrestati e imprigionati. Siamo responsabili di mantenere in vita queste idee e dobbiamo prestare attenzione, stare uniti, sostenere coloro che sono intrappolati nel sistema giudiziario e attaccare dove possiamo.

Nota: Dal 20 ottobre Toby è in isolamento come punizione, a causa di una protesta tenutasi fuori dal carcere di Parc, dove è detenuto, in cui i manifestanti hanno dimostrato la loro solidarietà a Toby e letto le richieste degli altri detenuti.

(1) Accordo istituito in Gran Bretagna nel 2001, rivolto alle “autorità responsabili” incaricate di gestire gli autori di reati sessuali, reati violenti e gli autori di reati che rappresentano un grave pericolo per la comunità.

(2) Le strutture per la libertà vigilata, sono destinate ai soggetti più a rischio quando escono dal carcere. Esse fungono da abitazione temporanea prima che la persona possa far ritorno al suo luogo di residenza abituale, e hanno due funzioni principali: contribuire alla riabilitazione e al reinserimento di queste persone e garantire la protezione dei cittadini nei primi mesi di permanenza nella comunità.

Fonte: abc-brighton

Traduzione: Inferno Urbano

*Per leggere ulteriori articoli che riguardano il compagno anarchico Toby Shone e il suo caso potete consultare questi link:

Sentenza di primo grado per il prigioniero anarchico Toby Shone

Una lettera di Toby Shone dal carcere

Comunicato di Toby Shone dalle segrete della prigione di Bristol

Sull’ordine di sorveglianza totale che sta affrontando Toby Shone

Resoconto del processo SCPO a Toby Shone




Fonte: Infernourbano.altervista.org