Gennaio 28, 2022
Da Inferno Urbano
166 visualizzazioni

Anche se la polizia non è riuscita a provare l`accusa di terrorismo contro di lui dopo quattro anni di indagini, il prigioniero anarchico Toby Shone sta affrontando un Serious Crime Prevention Order che sancirà legalmente la criminalizzazione e la sorveglianza totale di lui e di tutti coloro che lo circondano per gli anni a venire dopo il totale compimento della sua condanna.

Nel novembre 2020, sono state eseguite dai poliziotti dell’antiterrorismo nel Regno Unito come parte dell’”Operazione Adream”, una serie di retate coordinate contro uno dei presunti amministratori del sito web 325.nostate.net. Diverse case nel sud-ovest dell’Inghilterra sono state perquisite e una persona, Toby Shone, è stata arrestata sotto la minaccia delle armi nella Foresta di Dean e accusata in base al Terrorism Act. Questa è stata la prima volta che lo Stato britannico ha tentato di incriminare un anarchico secondo la attuale legislazione antiterrorista e la prima volta che nel Regno Unito qualcuno è stato arrestato per essere sospettato di gestire un sito web anarchico.

Toby è stato inizialmente accusato di fornire un servizio che permette ad altri di accedere a pubblicazioni terroristiche, di raccogliere fondi per scopi terroristici, e di due capi d’accusa per possesso di informazioni che possono essere utili a un terrorista. Si è dichiarato non colpevole, i poliziotti non sono stati in grado di produrre alcuna prova, e il procuratore è stato costretto a ritirare queste accuse l’1 ottobre 2021.

Alla fine, Toby Shone è stato condannato, il 13 ottobre 2021, a 3 anni e 9 mesi di prigione per 8 capi d’imputazione riguardanti sostanze stupefacenti. Le “droghe” erano psichedelici e piante medicinali, trovate in due delle quattro proprietà perquisite nel novembre 2020, tutti spazi collettivi. Ha scontato 8 mesi di questa condanna in custodia cautelare a HMP Wandsworth ed è attualmente detenuto a HMP Bristol. Il suo rilascio è previsto tra agosto e dicembre 2022.

Tuttavia, l’ispettore capo Sion Margrie e i procuratori Dan Porson-Pounds e Thomas Coke-Smythe continuano la loro persecuzione di Toby richiedendo una ordinanza che dopo il suo rilascio, controllerebbe e monitorerebbe i suoi movimenti quotidiani, i suoi contatti con gli altri, la residenza, le finanze, i dispositivi elettronici e così via. Prevede anche che vengano comunicate alla polizia informazioni precise su tutti i suoi amici, contatti, persone care, conoscenti ed eventuali clienti commerciali. Il suo conto in banca e l’accesso al telefono, a internet e ai dispositivi di archiviazione sarebbero monitorati, e lui non potrebbe usare quelli di nessun altro. Gli sarebbe vietato di utilizzare la tecnologia di crittografia e gli sarebbero consentite solo 50 sterline in contanti al mese, costringendolo ad un tracciamento finanziario pressoché totale. Se rimanesse da qualche parte durante la notte, dovrebbe dire alla polizia dove, quando, con chi e perché. Se qualcuno venisse a trovarlo dovrebbe comunicare chi è e il motivo della visita. Qualsiasi contatto di lavoro, un’eventuale assunzione e quanto guadagna e chi incontra dovrebbe essere riportato alla polizia. In definitiva, questo ordine lo metterebbe sotto una forma di arresti domiciliari e lo costringerebbe ad essere complice della sua sorveglianza e di quella dei suoi amici.

I Serious Crime Prevention Orders sono spesso usati come “sentenze furtive” quando i procuratori non ottengono ciò che vogliono la prima volta. L’Ordine durerebbe almeno cinque anni dopo il suo rilascio dalla prigione e può essere rinnovato dopo tale periodo. Toby potrebbe affrontare altri cinque anni di prigione se lo violasse, cosa che ovviamente l’accusa spera disperatamente che accada. L’ordine è progettato per essere violato, poiché le condizioni e le restrizioni sono così folli e così tante che sarebbe impossibile non violarle prima o poi. Se i suoi amici si rifiutano di collaborare, potrebbero anche affrontare una persecuzione penale e una pena detentiva di 12 mesi per ostruzione.

I poliziotti sostengono che questo ordine di controllo è necessario a causa dello stile di “vita alternativo” di Toby e delle sue convinzioni politiche. Criminalizzare uno stile di vita per giustificare un SCPO non è solo oltraggioso ma un precedente molto pericoloso. Un altro precedente pericoloso è quello di avere un SCPO usato contro i militanti. È ovvio che quest’ordine non ha niente a che fare con le accuse di droga per le quali Toby è stato condannato, e per le quali ha già scontato un tempo più che sufficiente. Invece, l’Ordine ha esclusivamente a che fare con le accuse di terrorismo di cui l’accusa non ha trovato alcuna prova e con il suo coinvolgimento nel movimento anarchico.

Si evince in maniera ovvia dalla nuova legislazione di controllo che il regime autoritario britannico sta facendo passare in fretta, in particolare sotto l’attuale ministro dell’Interno Priti Patel, che questo ordine di controllo non riguarda solo Toby. Non riguarda nemmeno solo la repressione statale delle iniziative anarchiche di controinformazione. Si tratta di stabilire un precedente per soffocare qualsiasi forma di protesta con uno strumento di sorveglianza draconiano e costringere le persone ad essere complici della loro stessa repressione e sorveglianza, e di quella del loro ambiente sociale. L’ordine contro Toby è simile nella giustificazione e nel contenuto al proposto Serious Disruption Prevention Order (*recentemente sconfitto) che fa parte del nuovo e controverso Policing Bill. Questo disegno di legge richiederebbe a una persona di registrare i suoi associati e i suoi movimenti alla polizia pur non avendo commesso reati se non quello di essere stato schedato e identificato come un dissidente reale o potenziale. Spingendo i confini della repressione nei confronti di attivisti, anarchici e dissidenti, il Regno Unito sta scivolando verso una dittatura appena celata.

L’udienza per l’SCPO contro Toby è alla Bristol Crown Court il 22 febbraio 2022. Dimostriamo la nostra solidarietà a Toby alle 9 del mattino davanti alla Corte. Mostriamo la nostra solidarietà a lui e agli altri prigionieri e prigioniere anarchiche ovunque, quando e come possiamo.

Maggiori informazioni su darknights.noblogs.org

Invitiamo a diffondere questo testo nei circoli e nelle pubblicazioni

Potete scrivere a Toby a questo indirizzo. Non dimenticate di scrivere il mittente sulla busta altrimenti la lettera non arriva.

Toby Shone
A7645EP
HMP Bristol
19 Cambridge Road
Bishopston
Bristol
BS7 8PS
UK

Fonte: darknights.noblogs.org




Fonte: Infernourbano.noblogs.org