Agosto 29, 2021
Da Infoaut
88 visualizzazioni


Le relazioni di Israele con alcuni partiti curdi non sono servite alla causa curda in alcun modo o forma, ma piuttosto l’hanno danneggiata.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

Fonte: english version

Raseef 22 – 7 luglio 2021

Poche ore dopo la fine della “marcia della bandiera” dei nazionalisti israeliani nella Gerusalemme occupata lo scorso 15 giugno, un importante attivista di “Hasbara” pubblicò un tweet dicendo di essere orgoglioso di issare la bandiera del Kurdistan accanto a quella israeliana. Su Twitter, Andreas Fagerbakke dichiarò

“Sto con il popolo curdo! Un popolo che MERITA DAVVERO uno stato tutto suo. Perché il mondo non può lavorare per stabilire uno stato curdo?? Invece di SPRECARE tempo e denaro di tutti nella fasulla “causa palestinese”, che si basa solo su BUGIE.”.

Accanto al tweet, l’attivista – che è seguito da una schiera di giornali ebraici e dal ministero degli Esteri israeliano – aveva pubblicato un’immagine della bandiera israeliana sventolata accanto alla bandiera del Kurdistan, in un modo che suggeriva ai suoi followers che la foto fosse stata scattata durante il controverso corteo degli sbandieratori.

Utilizzando una tecnica di ricerca inversa, Raseef22 ha scoperto che la foto risale al 2017 e che era stata scattata in Iraq, non a Gerusalemme. È la stessa foto che allora scatenò proteste a livello nazionale per criminalizzare l’innalzamento della bandiera israeliana in tutte le regioni dell’Iraq, inclusa la regione autonoma del Kurdistan.

 La bandiera israeliana è stata issata in molte occasioni in Kurdistan, e la bandiera della regione curda irachena è stata issata in Israele, il che dà l’impressione che ci siano relazioni curdo-israeliane a spese degli arabi. Possiamo ritenerlo vero?

Due bandiere, due narrazioni

La bandiera israeliana è stata issata in molte occasioni nella regione curda dell’Iraq e la bandiera della regione curda irachena è stata issata in Israele, il che dà l’impressione che ci siano relazioni curdo-israeliane a spese degli arabi.

Questa convinzione è stata smentita affrontando la questione con studiosi curdi che affermano che le relazioni con Israele sono limitate solo ad alcuni partiti nel Kurdistan iracheno e a certe famiglie, sottolineando che non esiste un unico partito che rappresenti tutti i curdi. Di conseguenza, “è sbagliato dire che ci sono relazioni israelo-curde”, ma piuttosto, alcuni di loro affermano che i curdi sono simpatizzanti della causa palestinese.

Tuttavia, l’insistenza semi-ufficiale israeliana ci pone di fronte a due narrazioni sulla realtà delle relazioni tra le nazioni israeliane e curde. Sono relazioni non ufficiali, poiché fino ad ora non c’è Stato che rappresenti i curdi e che possa prendere una decisione sulla cooperazione politica e sullo scambio di relazioni diplomatiche con Israele, o che possa annunciarne l’astensione.

Mentre Raseef22 ha verificato la divisione dei curdi su Israele, la prospettiva generale nello stato di Israele sembra diversa, anche se i motivi delle due parti “simpatizzanti” sono gli stessi.

Paralleli storici

La bandiera curda è stata issata in diverse occasioni in Israele.

L’accademico curdo Kamran Mantak, professore di storia politica contemporanea, spiega questa azione reciproca con queste parole: “Il popolo israeliano è un popolo indigeno della regione, con una storia che risale a migliaia di anni, e la religione ebraica è una religione universale,  una religione monoteista”.

Kurdistan and israel2 451400 694238

Aggiunge che c’è una simpatia generale verso Israele tra i nazionalisti curdi e “la ragione di questa simpatia è che condividono la sofferenza e la persecuzione che hanno subito per mano degli arabi sciovinisti”, secondo il resoconto israeliano.

In uno studio pubblicato da Ofra Bengio, ricercatrice israeliana specializzata in affari curdi e capo del programma di studi curdi presso il Centro Moshe Dayan dell’Università di Tel Aviv, sono elencate le ragioni di questa “somiglianza” o parallelo. Nello studio si afferma che sono entrambi popoli relativamente piccoli, (15 milioni di ebrei e 30 milioni di curdi) e che entrambi “Soffrono persecuzioni e guerre, entrambi conducono lotte di vita o di morte per preservare le loro identità uniche, entrambi vengono delegittimati e viene loro negato il diritto a uno stato proprio”.

Quindi prosegue: “Entrambi sono etnicamente diversi dai vicini arabi, persiani e turchi, che costituiscono la maggioranza in Medio Oriente”. La ricercatrice afferma che “studi recenti hanno dimostrato che i legami genetici tra ebrei e curdi sono molto più evidenti di quelli tra ebrei e arabi”.

La ricercatrice cita una leggenda ebraica sulle origini dei curdi, secondo la quale il re Salomone (il profeta Suleiman per i musulmani) avrebbe chiesto ai “jinn” a lui soggiogati di recarsi in Europa e portare cinquecento belle donne. E quando i jinn tornarono con il bottino, seppero che il re era morto, così decisero di tenerle per sé. Le sposarono e in tale modo diedero vita alla nazione curda.

Tuttavia, lo stato di reciproca simpatia tra gruppi di curdi e israeliani non si basa solo su miti, ma anche sul fatto che la narrativa israeliana sfrutta la lotta dei curdi per stabilire il loro stato indipendente per creare un legame tra le nazionalità ebraica e curda, nonostante il nazionalismo curdo abbia caratteristiche etniche e non sia basato sulla religione come il nazionalismo israeliano.

“Studi recenti hanno dimostrato che i legami genetici tra ebrei e curdi sono molto più chiari di quelli tra ebrei e arabi. Entrambi sono etnicamente diversi dall’arabo, dal persiano e dal vicino turco, che costituiscono la maggioranza in Medio Oriente”

Lo conferma a Raseef22 la giornalista curda Dana Taib Menmy, la quale sottolinea che Israele cerca di proporre una connessione storica, non riuscendoci. Dice. “La maggior parte del popolo curdo nella regione del Kurdistan irakeno è solidale con la causa palestinese e vede Israele come un’entità occupante e oppressiva, basata sullo stato di interdipendenza che Israele sta cercando di rivendicare “.

Aggiunge: “I curdi sono stati vittime della tirannia dell’ex regime iracheno (Saddam Hussein). Hanno sperimentato ciò che stanno vivendo i palestinesi per mano dell’occupazione israeliana”, osservando che la simpatia curda per i diritti dei palestinesi è diventata molto più  profonda dopo l’aggressione israeliana alla moschea di Al-Aqsa e alla Striscia di Gaza lo scorso maggio.

Tutto inizia con l’oppressione

Il rapporto tra i due gruppi iniziò prima della costituzione dello Stato di Israele su una parte della storica terra di Palestina, cioè durante gli anni Trenta, e né Israele né i partiti nazionalisti curdi lo negano.

Il dottor Kamran Mantak, le cui idee non sono lontane da quelle del Movimento Nazionalista Curdo, afferma: “L’esistenza del rapporto tra alcuni ‘partiti’ curdi con Israele è un fatto storico che nessuno può negare, e c’è anche un rapporto tra Israele e molti governanti arabi. Spero che questo rapporto si rafforzi a beneficio di tutta la regione”.

Mantak sottolinea che il rapporto tra Israele e alcuni partiti curdi non significa che ci siano relazioni israelo-curde e aggiunge: “Non c’è partito al mondo che rappresenti un intero popolo. Pertanto, definire le relazioni tra alcuni partiti curdi con Israele come relazioni curdo-israeliane è una designazione o un’etichetta imprecisa e scorretta che viene utilizzata per scopi politici e talvolta viene utilizzata per accusare i curdi e pilotare l’opinione pubblica araba e islamica contro di loro.”

I tentativi di costruire queste “relazioni” divennero piuttosto evidenti negli anni ’50, quando per la prima volta fu lanciata la strategia di politica estera israeliana soprannominata Alleanza Periferica (o Alleanza della periferia). Questa strategia stabiliva che Tel Aviv avrebbe dovuto cercare alleanze con paesi non arabi, nonché con minoranze in Medio Oriente, per finire con il più grande blocco arabo.  Gli israeliani iniziarono quindi gli sforzi per attuare la strategia, sforzi che si concentrarono in particolare verso i curdi dell’Iraq.

Le relazioni tra Israele e alcuni gruppi di curdi dell’Iraq iniziarono a svilupparsi poco dopo lo scoppio della ribellione curda (le rivolte di Aylul) nell’autunno del 1961. L’approccio, come è noto, fu iniziato da Israele. Si ritiene che i primi contatti siano stati presi da Reuven Shiloah – il primo direttore del Mossad – nei primi anni ’30, quando lavorava come giornalista per il quotidiano Palestine Post.

presidentZalmar1 871927 914205

Il leader curdo iracheno Mustafa Barzani accompagnato dal presidente israeliano Zalman Shazar durante la visita di Barzani in Israele nel 1963

Durante gli anni ’60, i consiglieri militari israeliani addestrarono i combattenti curdi contro lo stato iracheno, per ridurre la sua minaccia per Israele e aiutare gli ebrei iracheni a fuggire.

A metà degli anni ’60, Shimon Peres, il vice ministro della difesa israeliano – in seguito primo ministro e capo di stato – incontrò segretamente Kamuran Ali Bedirxan, un leader curdo che aveva spiato per gli israeliani negli anni ’40 e ’50.

Yaakov Nimrodi, l’addetto militare israeliano a Teheran sotto lo Scià, era il principale canale di comunicazione tra Tel Aviv ei curdi.

La reazione ufficiale irachena non fu di cercare di contenere la crisi con il nazionalismo curdo in Iraq, ma di ricorrere all’escalation contro i suoi membri. Sempre nel 1966, il ministro della Difesa iracheno Abdul Aziz al-Uqaili accusò i curdi di “cercare di stabilire un secondo Israele” in Medio Oriente con il sostegno “dell’Occidente e dell’Oriente”, proprio come avevano fatto nel 1948.

Il primo riconoscimento ufficiale che Tel Aviv  fornì ai curdi avvenne il 29 settembre 1980, quando l’allora primo ministro Menachem Begin  rivelò che Israele “ha sostenuto i curdi durante la loro rivolta contro gli iracheni” nel 1965-1975, e che gli Stati Uniti erano a conoscenza del fatto. Begin aggiunse che Israele aveva inviato addestratori e armi, ma non unità militari.

 Il 71% degli intervistati per un sondaggio in Kurdistan espresse il proprio sostegno all’instaurazione di relazioni diplomatiche con Israele e il 67% affermò di vedere tali relazioni come un passo importante verso un Kurdistan indipendente

Dopo che  nel 1991 i curdi vennero schiacciati per mano dell’ex presidente iracheno Saddam Hussein, la comunità curda in Israele (stimata all’epoca in 100.000) organizzò una massiccia operazione di soccorso per i curdi dell’Iraq.

Israeliani di origine curda irachena manifestarono davanti alla residenza dell’allora primo ministro Yitzhak Shamir, chiedendo al governo degli Stati Uniti di proteggere i curdi da Saddam.

Durante il suo primo incontro con l’allora Segretario di Stato americano, Shamir esortò l’amministrazione Carter a difendere i curdi. Poco dopo, a Gerusalemme fu istituita la Lega dell’amicizia tra Israele e Kurdistan con l’obiettivo di rafforzare le relazioni tra Israele, ebrei e curdi in tutto il mondo.

Nel 2004, Seymour Hersh, il giornalista vincitore del premio Pulitzer che denunciò lo scandalo della tortura nella prigione di Abu Ghraib, pubblicò un’indagine in cui affermava che agenti militari e dei servizi segreti israeliani (Mossad) erano attivi nelle regioni curde di Iran, Siria e Iraq, addestrando le unità di commando curde e conducendo operazioni segrete che “potrebbero aumentare la destabilizzazione nell’intera regione”.

Hersh citò anche funzionari tedeschi secondo i quali i servizi di intelligence avevano prove che Israele stava usando la sua influenza all’interno delle comunità curde in Siria e Iran per scopi di intelligence operativa.

Inoltre, Hersh citava l’ex ministro libanese dell’Informazione Michel Samaha – che in seguito fu accusato di complottare per compiere atti terroristici all’interno del suo stesso paese – per aver affermato che il suo governo aveva prove che Israele stava “preparando i curdi a combattere in tutte le parti dell’Iraq, della Siria, Turchia e Iran”.

Nel 2005, il presidente del governo regionale del Kurdistan, Massoud Barzani, dichiarò che “stabilire relazioni tra i curdi e Israele non è un crimine, perché molti paesi arabi hanno relazioni con lo stato ebraico”.

Jalal Talabani, l’ex presidente iracheno “curdo” non esitò a stringere pubblicamente la mano al ministro della Difesa israeliano Ehud Barak in una conferenza internazionale in Grecia nell’aprile 2008. Quando i membri del parlamento iracheno denunciarono il suo comportamento, Talabani chiarì che la stretta di mano era stata fatta nella sua veste di capo dell’Unione Patriottica del Kurdistan, non di presidente dell’Iraq.

Secondo un sondaggio di opinione del 2009 condotto nella regione del Kurdistan iracheno, il 71% degli intervistati aveva espresso il proprio sostegno all’instaurazione di relazioni diplomatiche con Israele e il 67% aveva affermato di vedere tali relazioni come un passo importante verso un Kurdistan indipendente.

E quando il governo regionale del Kurdistan tenne un referendum sull’indipendenza dal governo centrale iracheno, Israele fu l’unico paese che appoggiò la secessione curda, sostenendola politicamente e pubblicamente. L’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu esercitò anche pressioni sui leader mondiali per sostenere il referendum curdo.

In segno di apprezzamento per il riconoscimento israeliano, i curdi a Erbil sventolarono la bandiera israeliana durante le manifestazioni a favore dell’indipendenza e scandirono slogan a favore di Tel Aviv.

Dopo l’attacco dell’ISIS all’Iraq settentrionale nel settembre 2014, le ONG israeliane, in collaborazione con l’American Jewish Committee, annunciarono che avrebbero fornito aiuti immediati ai cristiani e agli yazidi nel Kurdistan iracheno.

Secondo il Financial Times, Israele importò fino a tre quarti del suo petrolio dal Kurdistan iracheno, acquisto che costituì un’importante fonte di introiti per le brigate curde che combattevano contro i militanti dello Stato Islamico. Il Financial Times fu anche in grado di determinare gli investimenti effettuati da molte aziende israeliane in progetti energetici, di sviluppo e di comunicazione nel Kurdistan iracheno, oltre a fornire formazione sulla sicurezza e acquistare petrolio.

withLeader 993559 626188

L’ufficiale dell’intelligence israeliana Aharon Cohen in visita al defunto leader curdo Mustafa Barzani nella sua residenza nel Kurdistan iracheno

Secondo recenti rapporti, nella regione del Kurdistan vivono tra le 400 e le 730 famiglie ebree irachene. Il 18 ottobre 2015, il KRG nominò Sherzad Omar Mamasani, un ebreo curdo, rappresentante ebraico per il Ministero delle dotazioni e degli affari religiosi. Il quotidiano israeliano Jerusalem Post riportò che circa 200.000 curdi ebrei sarebbero stati rimpatriati nel Kurdistan iracheno se si fosse forma uno stato curdo indipendente.

Da parte curda, una rivista curdo-israeliana, pubblicata da Daoud Bagestani, venne sostenuta dal governo regionale del Kurdistan (KRG) nel 2009 per promuovere il riavvicinamento tra i due popoli.

Israele vs Kurdistan

Nonostante il suo sostegno all’instaurazione di relazioni normali e dichiarate tra il “movimento del nazionalismo curdo e lo stato del Kurdistan, nel caso questo venga stabilito, e Israele”, il professore di storia Kamran Mantak ritiene che il più grande perdente in questa relazione sia il popolo curdo, e che il maggior beneficiario sia Israele e alcuni partiti politici curdi, “in particolare alcuni membri delle famiglie politiche curde che stanno usando la causa curda per i propri guadagni personali , così come alcuni dei corrotti  regimi politici fantoccio della regione”.

Nel secolo scorso Israele sostenne i partiti curdi e sostenne quella che è stata chiamata la rivoluzione curda, non per il bene dei curdi, ma per dividere le fila dei paesi arabi e tenere i curdi lontani dai fronti delle guerre arabo-israeliane

Ha aggiunto: “Purtroppo Israele ha usato la questione curda come carta di pressione contro i paesi arabi e i paesi ad essa ostili. Non ha mai sostenuto sinceramente la causa curda e non ha mai sostenuto i curdi nei loro tempi difficili. Al contrario, Israele era dietro i paesi che perseguitavano i curdi!”

Spiega: ” Nel secolo scorso Israele sostenne alcuni partiti curdi e quella che è stata chiamata la rivoluzione curda, non per il bene dei curdi, ma per dividere i ranghi dei paesi arabi e mantenerli lontano dai fronti della guerra arabo-israeliana durante la guerra del 1967 (la guerra dei Sei Giorni) e la guerra d’ottobre (la guerra dello Yom Kippur) nel 1973. Ma dopo aver risolto in una certa misura i suoi problemi con gli arabi e aver guadagnato la sua base, nel 1975 cospirò con l’America, con il regime dello Scià e con alcuni regimi arabi per fare fallire la rivoluzione curda”.

Sottolinea che Israele è stato accusato di aver aiutato la Turchia ad arrestare Abdullah Öcalan, il leader del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

Spiega: “Israele ha dovuto tenere conto della sensibilità turca nelle sue relazioni con i curdi. Ankara considerava il PKK un nemico mortale. Gerusalemme si sentì obbligata a prendere le distanze dai leader curdi in Turchia, e ovviamente dal PKK, per non inimicarsi i turchi e compromettere le loro relazioni private”.

Nel maggio 1997, al culmine delle relazioni turco-israeliane, Netanyahu nel suo primo mandato dichiarò il sostegno di Israele alla Turchia nella sua lotta con il Partito dei lavoratori del Kurdistan. Andò anche oltre, affermando che non ci sarebbe stata pace con Damasco a meno che non avesse posto fine al suo sostegno al “terrorismo del PKK”.

Ma nel suo secondo mandato, quando non era in ottimi rapporti con Ankara a causa della posizione del presidente turco Recep Tayyip Erdogan su Hamas a Gaza, attaccò su Twitter le operazioni militari della Turchia contro i curdi in Siria. Nel tweet, scrisse “Israele condanna fermamente l’incursione turca nelle aree curde in Siria e mette in guardia contro la pulizia etnica dei curdi per mano della Turchia e dei suoi delegati. Israele è pronto a fornire aiuti umanitari al coraggioso popolo curdo”.

I curdi fuori dall’Iraq hanno un’opinione diversa

Prima del suo arresto, il capo del Partito dei lavoratori del Kurdistan in Turchia, Abdullah Öcalan, era noto per la sua forte posizione contro il sionismo e lo Stato di Israele. È di quelli che credono che se c’è una coincidenza o un parallelo storico, è quello tra la sofferenza palestinese e quella curda, e aveva fatto dichiarazioni che gli israeliani consideravano molto vicine all’antisemitismo.

Verso la fine del 1979, il Partito dei lavoratori del Kurdistan trasferì molti dei suoi combattenti, così come il suo comando centrale, nei campi profughi palestinesi in Libano, dove si addestrarono con i palestinesi e presero anche parte ai combattimenti contro Israele.

Nel 1982, il Partito dei lavoratori del Kurdistan dimostrò la sua forza nella lotta contro le forze di occupazione israeliane in Libano, il che permise sia ai libanesi che ai palestinesi di stabilire un grande campo nella valle della Bekaa, che diventò il loro quartier generale.

In seguito all’invasione israeliana e al successivo attacco all’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) in Libano, i combattenti del PKK si trasferirono in Siria, che  permise loro di addestrarsi nel suo territorio perché nel mezzo delle ostilità con Israele e Turchia.

Secondo l’opinione della giornalista curda indipendente Dana Taib Menmy, le relazioni di alcuni partiti curdi e Israele non sono state affatto vantaggiose per il popolo curdo, ma piuttosto “sono state la causa di molte calamità e sventure per il popolo kurdo e la nazione in generale sia in Iraq che Turchia, Siria e Iran”.

Dice a Raseef22: “Sì, il rapporto con Israele è stato ed è tuttora vantaggioso per alcuni dei partiti curdi al governo nella regione del Kurdistan iracheno, dove Israele acquista petrolio curdo. Questa relazione ambigua ha fornito scuse alle milizie fedeli all’Iran per lanciare diversi attacchi missilistici contro determinati obiettivi nella città di Erbil”.

Continua dicendo: ” Nel settembre 2017 Israele affermò di sostenere il referendum di indipendenza della regione dall’Iraq, ma dopo il referendum, la falsità delle affermazioni di Israele divenne abbastanza evidente quando si ritirò dopo che le forze irachene ripresero la città petrolifera di Kirkuk dal controllo delle forze curde peshmerga”.

Menmy afferma che Israele è un alleato strategico della Turchia e che la tecnologia israeliana viene utilizzata dalla Turchia per uccidere civili e combattenti curdi sia nel nord dell’Iraq che nel nord della Siria, finendo con la domanda: che cosa hanno tratto vantaggio i curdi da Israele?

In una nota finale, Mantak commenta: “In breve, le relazioni di Israele con alcuni partiti curdi non sono servite alla causa curda in alcun modo o forma, ma piuttosto l’hanno danneggiata molto. Credo che sia dovere dei professionisti e degli intellettuali arabi dei media trasmettere questi fatti ai loro popoli. Invece di accusare i curdi di avere relazioni con Israele, i popoli arabi dovrebbero aprire le braccia ai curdi e sostenere la loro giusta causa”.

Traduzione di Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” –Invictapalestina.org

Potrebbe interessarti

  • ||||

    “Non è ancora una vera protezione perché i coloni criminali vivono ancora lì”, ha detto Ali Awad. “Ogni mattina, i bambini devono aspettare

  • ||||

    I guerriglieri hanno abbattuto un drone turco Bayraktar TB2. Il drone killer è considerato l’ammiraglia più moderna dell’aeronautica turca e l’orgoglio personale di

  • ||||

    La Palestina si estende dal fiume Giordano al Mediterraneo e attraversa l’antica città palestinese di Lyd.

    Fonte: english version

    Di

  • ||||

    Il protagonismo della popolazione afghana, soprattutto femminile, resiste: lo ha fatto durante gli anni (anzi, i decenni) dell’occupazione occidentale e intende continuare a

  • ||||

    Iraq. Tre bombardamenti, poi un quarto all’arrivo dei soccorsi: l’aviazione turca ha raso al suolo una clinica nella regione ezida, dieci le vittime




Fonte: Infoaut.org