Gennaio 8, 2023
Da Oltre Il Ponte
70 visualizzazioni

Da oltre 80 giorni prosegue lo sciopero della fame dell’anarchico Alfredo Cospito, recluso dal maggio 2022 in regime di tortura 41 bis. Le sue condizioni di salute sono sempre più critiche, e ogni giorno che passa lo avvicina in modo sempre più critico alla morte. In queste ultime settimane in Italia e all’estero si sono susseguite centinaia di manifestazioni, presidi e azioni solidali con Cospito, contro la tortura, contro l’ergastolo ostativo e contro la feroce repressione indirizzata contro il movimento anarchico.

Oltre alla solidarietà proveniente dalle realtà militanti, lo sciopero della fame a oltranza di Alfredo ha costretto sempre più persone a prendere una posizione e rompere così il silenzio con cui lo Stato vorrebbe chiudere la pratica. Negli ultimi giorni un nuovo appello pubblico è stato indirizzato al Ministro della Giustizia Carlo Nordio per fare uscire Alfredo dal regime di tortura 41 bis.

All’interno della campagna solidale, un lavoro prezioso e insostituibile è stato svolto dall’avvocato Flavio Rossi Albertini, intervenuto in innumerevoli trasmissioni radiofoniche e iniziative pubbliche, per spiegare in cosa consiste il 41 bis e in che termini è stata orchestrata la repressione contro il movimento anarchico in Italia, ma non solo. Venerdì 13 gennaio egli è stato invitato a Rovereto dal Circolo Cabana. Per impedire la morte di Alfredo, per fermare la tortura e la repressione. 




Fonte: Oltreilponte.noblogs.org