Marzo 30, 2022
Da Notav
77 visualizzazioni

Le vicende che si susseguono in queste settimane mostrano una drammatica escalation militare sul continente europeo e riportano al centro del dibattito pubblico quello che provammo a mettere in luce a luglio 2021.

Con il precipitare della crisi militare in Ucraina assistiamo alla scriteriata reazione dell’Unione Europea e dei governi del continente, che non perdono tempo nel rilanciare una spirale militarista che vede direttamente coinvolto il nostro Paese. Se parlare di infrastrutture di mobilità militare europea non appare più come qualcosa proiettato in un indefinito futuro ma di drammaticamente attuale, diviene invece necessario rimettere con forza al centro dei nostri discorsi e del nostro agire la necessità di fermare i venti di guerra in cui siamo immersi e mobilitarsi per un’effettiva demilitarizzazione della realtà che ci circonda.

Ne parleremo con
Marco Revelli – sociologo (in collegamento)
Nicoletta Dosio – movimento No Tav
Antonio Mazzeo – No Muos (in collegamento)
Luca Bardino – assemblea No Tav Torino e cintura

Questo opuscolo è la raccolta di diversi interventi realizzati da singoli e realtà politiche differenti all’interno dell’iniziativa pubblica “Il Tav all’interno dei corridoi di mobilità militare europea” svoltasi a Luglio 2021 a Torino ed organizzata dall’assemblea No Tav Torino e cintura.




Fonte: Notav.info