Novembre 25, 2021
Da Inferno Urbano
12 visualizzazioni


Il 24/11 ha avuto luogo un’azione, con volantini e scritte con la vernice spray, presso l’azienda MarCom Tzelepoglou, di proprietà del console cileno R. Tzelepoglou, in solidarietà con il compagno Francisco Solar.

“La prigione è un solo un altro modo di intendere la lotta – il conflitto antiautoritario non è finito per me, ha solo cambiato forma”

Monica Caballero

Il 24/7/20, In territorio cileno, vengono arrestati gli anarchici Monica Caballero e Francisco Solar, accusati di aver inviato alcuni pacchi bomba (caso Bombas): Il primo è esploso nella stazione di polizia Huechuraba, causando il ferimento di un poliziotto, mentre il secondo è stato dissinnescato dal GOPE (Gruppo Operativo di Polizia) nell’ufficio di Rodrigo Hinzpeter, ex ministro e attuale dirigente dell’impresa Quiñenco (uno dei più grandi gruppi imprenditoriali del Cile). Inoltre i compagni sono accusati di aver piazzato due ordigni esplosivi nel palazzo Tánica. Dal 24/7, quindi, sono tenuti in custodia cautelare e sono tuttora prigionieri dello Stato.

Nei primi mesi del 2021, il compagno Francisco Solar, insieme ad altri prigionieri sovversivi e anarchici, ha partecipato ad uno sciopero della fame di 50 giorni, chiedendo la liberazione di Marcelo Villarroel, e contro la modifica del decreto legislativo 321. Ricordiamo che il compagno Marcelo, 11 anni prima, aveva usato il suo corpo come una trincea con uno sciopero della fame durato più di 60 giorni.

Le gravi condizioni di salute del compagno Francisco, ma anche la prevedibile indifferenza dell’amministrazione carceraria, lo hanno portato il 22/09 a richiedere ulteriori esami medici, dopo un ricovero d’urgenza, dove gli è stato diagnosticato un diabete di tipo avanzato (che lo ha quasi portato sull’orlo del coma diabetico).

Dopo aver raggiunto una minima stabilizzazione, è stato riportato al reparto 2 della prigione, dove, nonostante due dosi giornaliere di insulina date in modo restrittivo dai medici, non riesce ancora a raggiungere livelli di glucosio normali. Inoltre, il compagno sta sperimentando una significativa perdita della vista senza ricevere alcuna attenzione medica. Il regime di isolamento e le condizioni di detenzione, non fanno altro che aggravare le condizioni di salute del nostro compagno, che peggiorano giorno dopo giorno.

Il caso del compagno Francisco Solar può essere facilmente paragonato al caso dell’anarchico Giannis Dimitrakis che, il 24/5/2021, fu picchiato da alcuni prigionieri mafiosi perché cercò di impedire il pestaggio di un compagno. Giannis Dimitrakis fu poi portato all’ospedale di Larissa, dove gli furono riscontrate ferite craniocerebrali ed ematomi multipli ed ora, anche se non è più in pericolo di vita, ha bisogno di cure specialistiche per riprendersi completamente.

Lo stato però, ancora una volta, ha colto l’occasione per mostrare i denti, trasferendo Giannis Dimitrakis in isolamento, nella prigione di Domokos il 3/6/2021, privandolo delle cure necessarie, mentre il 21/07 è stata respinta la sua richiesta di sospensione della pena. Come sempre, le autorità, in stretta collaborazione con Nicolaou e il servizio penitenziario, applicano un regime vendicativo di tipo speciale ai prigionieri politici, il che non ci sorprende, dato che i carcerati, soprattutto i rivoluzionari, in ogni parte del pianeta, sono considerati come soggetti da sterminare.

La distanza tra noi e molti compagni può essere grande, ma le loro scelte di vita, anche nelle zone più remote del pianeta, i percorsi che hanno fatto e continuano a fare, il loro atteggiamento impenitente, i loro rifiuti e la loro rabbia, diventano nelle nostre mani munizioni per compiere un ulteriore passo in avanti.

Non importa quanto cemento possiate mettere tra noi e loro, quando la repressione si intensifica e le persecuzioni aumentano, il nostro pensiero e le nostre azioni saranno sempre per i compagni imprigionati in tutto il mondo.

Abbiamo scelto da tempo da che parte stare. Ci troverete davanti a voi.

LIBERTÀ E FORZA AL COMPAGNO ANARCHICO FRANCISCO SOLAR

SOLIDARIETÀ AL COMPAGNO ANARCHICO GIANNIS DIMITRAKIS

DALLA GRECIA AL CILE TEMPESTA E FUOCO IN OGNI PRIGIONE

FORZA AI RIVOLUZIONARI DENTRO E FUORI LE MURA

GUERRA CON TUTTI I MEZZI PER L’ANARCHIA

Assemblea degli anarchici contro la Macchina Sociale

Fonte: darknights.noblogs.org e saekm.espivblogs.net

Traduzione: infernourbano




Fonte: Infernourbano.noblogs.org