64 visualizzazioni


Nei giorni scorsi, in Italia si sono verificati diversi scioperi, chiamati da diversi “sindacati di base”, molti dei quali sono membri della Rete Sindicale Internazionale di Solidarietà e di Lotta. Oltre a questi scioperi, soprattutto nel settore dell’istruzione o del trasporto, altri movimenti più globali si stanno preparando per il mese di ottobre : in condizioni difficili, come conseguenza della pandemia COVID-19 e della gestione della pandemia da parte dei capi e delle autorità pubbliche, i lavoratori stanno riprendendo l’offensiva, collettivamente.

In Italia come altrove, non vogliamo pagare per la loro crisi ; non permetteremo loro di usare la pandemia per distruggere ulteriormente i servizi pubblici, deteriorare le nostre condizioni di lavoro, ridurre i nostri salari, aumentare i licenziamenti e la precarietà, distruggere i nostri collettivi di lavoro, distruggere i nostri diritti.




Fonte: Laboursolidarity.org