Maggio 4, 2021
Da Unione Sindacale Italiana
100 visualizzazioni


Attenzione: apre in una nuova finestra.
PDFStampaE-mail

AZIENDA SPECIALE COMUNALE FARMACAP

ROMA: CONFERMATO LO SCIOPERO PER L’INTERA GIORNATA DEL 5 MAGGIO 2021, dei dipendenti di Farmacap.

PRESIDIO IL 5 MAGGIO DALLE 16 a Piazza del Campidoglio, promosso dalle Rsa congiunte interne di Usi, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, in concomitanza con la seduta  straordinaria dell’Assemblea Capitolina su Farmacap, che segue quella con ordini del giorno e mozioni approvate già il 10 marzo scorso, sempre dall’Assemblea Capitolina.

Prosegue la mobilitazione per ottenere il pagamento regolare delle retribuzioni, la conferma della natura pubblica e societaria della Farmacap, il rilancio del percorso di intervento integrato farmaco-socio sanitario e sociale dell’azienda comunale nei quartieri popolari e periferici della Capitale, la salvaguardia occupazionale e salariale, a fronte di ipotesi di privatizzazione, smantellamento dell’intervento pubblico integrato svolto attualmente tra farmacie comunali, sportelli sociali di prossimità e servizio Recup sociosanitario, messo a rischio dalla liquidazione amministrativa e dalla liberalizzazione dei servizi strategici, in sicurezza e all’interno di una programmazione razionale, efficace ed efficiente di un’azienda pubblica, strangolata da 6 anni di gestione commissariale e di direzioni generali ad interim, con la logica dell’emergenza al posto della doverosa pianificazione e strategia di intervento pubblico e controllato direttamente dall’Amministrazione capitolina, con circa 330 dipendenti (il 70% donne) che malgrado tutte le difficoltà, hanno continuato a lavorare ed erogare i servizi alla cittadinanza e alle fasce deboli di utenza.

USI invita lavoratrici e lavoratori a scioperare (rispettando i servizi minimi essenziali delle farmacie esentate sul territorio cittadino, dallo sciopero), a non cedere alle pressioni esterne dei poteri forti della città, interessati alla speculazione sulla Farmacap, sul suo patrimonio immobiliare e sui servizi strategici erogati, finora, con modalità solidale e sociale e non in nome del profitto,  a resistere dall’azione di boicottaggio dello sciopero del 5 maggio,  messo in campo da sindacati collaborazionisti e compromessi con l’azienda, mantenendo l’unità di azione costruita nel tempo dalle diverse rappresentanze sindacali interne.

Roma, 4 maggio 2021

Usi Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

e mail
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.




Fonte: Usiait.it