Maggio 6, 2021
Da Inferno Urbano
11 visualizzazioni


Sentenza d’appello processo “Panico”

Il 4 maggio 2021 si è concluso abbastanza rapidamente il secondo grado del processo panico presso la corte d’appello di Firenze. Riassumendo, tra le novità principali c’è la caduta del reato associativo (416 – a delinquere) per 9 compagni condannati in primo grado e l’assoluzione di Giova per i fatti di capodanno (da una condanna di 9 anni e 10 mesi passa a 3 mesi per una scritta). Restano pesanti le condanne per i fatti del Melograno (la rissa con gli sbirri fuori da un concerto) per cui 2 compagne sono state assolte ma altri 5 sono stati condannati con pene tutte intorno ai 3 anni e mezzo. Rimane invariata anche la pena della compagna accusata di rapina per aver sottratto due bottiglie di vino del valore di 20 euro (2 anni e 3 mesi più multa), nonché le condanne (anche se abbassate rispetto al primo grado) per l’assalto e il petardone alla libreria di casa pound (gennaio-febbraio 2016). Infine, Ghespe e Paska sono stati condannati per i fatti di capodanno, con pene ridotte da 9 anni (ghespe) e 9 anni e mezzo (paska) in 8 anni per entrambi. I giudici si sono presi 90 giorni per depositare le motivazioni e quindi si calcola che a metà ottobre scadrà il termine per il ricorso per cassazione.

Ai condannati va tutta la nostra solidarietà, così come ai compagni anarchici prigionieri, tra cui quelli delle operazioni Scripta Manent, Prometeo, Bialystok; ai compagni in sciopero della fame; a quelli che sopportano misure restrittive, ai sorvegliati speciali. Forza!

Un enorme grazie ai tanti, tantissimi, che ci hanno portato solidarietà in questi anni.

Fonte: ilrovescio.info




Fonte: Infernourbano.noblogs.org