51 visualizzazioni


“I controlli green pass vengono fatti a campione e dopo ore che il personale è entrato in servizio, mettendo a rischio lavoratori ed utenti. È già successo che chi non possiede green pass e non ha fatto tampone, sia stato invitato ad abbandonare il lavoro dopo giorni dall’entrata in servizio”.

09 Settembre 2021 – 17:30

“Si sta purtroppo verificando ciò che puntualmente avevamo previsto“, rileva il Sindacato generale di base del Comune di Bologna. Nei servizi educativi e scolastici, denuncia il sindacato, “i controlli green pass vengono fatti a campione e dopo ore che il personale è entrato in servizio, mettendo a rischio lavoratori ed utenti. È già successo che chi non possiede green pass e non ha fatto tampone, sia stato invitato ad abbandonare il lavoro dopo giorni dall’entrata in servizio”.

Prosegue Sgb: “Non si tratta qui di invocare sanzioni per chi non si è vaccinato e che, comunque, dovrebbe almeno fare il tampone se ha a cuore la salute della comunità in cui opera, ma di segnalare le storture di un sistema di controllo politico che non è nato per una reale tutela sanitaria e di una dirigenza arrogante ed incapace. Ricordiamo che si tratta della stessa dirigenza che ha clamorosamente sbagliato nelle direttive impartite al settore in materia di green pass facendo riferimento a normative vecchie e ad uso esclusivo dei lavoratori della scuola dello Stato e non di quelle degli Enti locali. In trattativa non ci avevano ascoltato e avevamo chiesto di riconvocarla urgentemente per ridefinire il sistema di messa in sicurezza di nidi e materne ma così non è stato ed ora il Comune di Bologna è letteralmente entrato nel pallone. È altresì evidente che oltre al rischio sanitario, non avendo in alcun modo ottemperato alle norme di Legge, ci si espone ad eventuali ricorsi ove si verifichino nuovamente dei focolai mettendo a rischio anche le casse comunali”.

“Bastava poco”, secondo il sindacato: “ascoltare anche i sindacati considerati ‘non amici’ di questa giunta e chi nei servizi ci lavora e tutto questo non sarebbe accaduto. Ben sapendo che l’attuale giunta è ormai ai saluti finali ci chiediamo se quello che sta accadendo ed in più generale dello stato della macchina organizzativa e delle relazioni sindacali, interessi qualcosa ai tanti candidati che affollano le liste che si pongono in continuità con essa?”.




Fonte: Zic.it