Marzo 8, 2022
Da Infoaut
298 visualizzazioni

Un nuovo coordinamento di partiti e organizzazioni di sinistra in Turchia si oppone alla guerra in Ucraina e accusa la Russia e la Nato di spingere il mondo in guerra per i loro interessi economici.

||||



.itemImageBlock { display: none; }

Da Rete Kurdistan

Un’alleanza di partiti e organizzazioni di sinistra, HDP (Partito Democratico dei Popoli), EMEP (Partito Laburista), EHP (Partito del Movimento Proletario), Halkevleri (Case del Popolo), SMF (Federazione dei Consigli Socialisti), TİP (Partito dei Lavoratori della Turchia) e TÖP (Partito per la Libertà Sociale), è stata formata ad Ankara nel fine settimana.

Una dichiarazione del coordinamento dell’alleanza sulla guerra in Ucraina ha detto: “Mentre il mondo sta lottando per guarire le ferite della pandemia, si trova ad affrontare una nuova grande minaccia di guerra. Il capitalismo non è interessato al pane o alla salute dell’umanità, ma sta creando la base per una nuova guerra in cui i popoli vengono massacrati per i monopoli dell’energia e delle armi. Questo è tutto ciò che muove la guerra e l’occupazione che è iniziata con l’escalation del conflitto tra Ucraina e Russia nel Donbass. Non siamo dalla parte della Russia e della NATO guidata dagli Stati Uniti, che con il loro espansionismo ignorano la volontà dei popoli. Rifiutiamo le guerre ingiuste e gli slogan di guerra. La nostra parte è la pace, la nostra parte è quella dei popoli che si oppongono alla guerra in tutto il mondo.

Scendere in piazza per la pace nel mondo e contro il riarmo

Salutiamo le forze democratiche scese in piazza in Turchia chiedendo “Pace Adesso!”. Chiediamo a tutti di scendere in piazza per la pace mondiale e contro l’espansione globale degli apparati bellici. La Turchia non dovrebbe prendere parte a una guerra e a una polarizzazione che danno fuoco alla miccia della Terza Guerra Mondiale. Avvertiamo il governo AKP, che collabora con le potenze regionali e internazionali e mantiene da tempo una posizione aggressiva di costante conflitto con i popoli circostanti. La Turchia non deve essere inclusa nel blocco di guerra della NATO né in quello russo. Le persone che vogliono la pace non lo permetteranno.

Insieme contro la guerra e il militarismo

La guerra è il nemico dei lavoratori che lottano per l’uguaglianza e la vita umana. I lavoratori, i poveri, le donne e i giovani sono quelli che perdono di più in guerra. Tutti i popoli, i lavoratori del nostro paese, devono unirsi contro la guerra, il militarismo e lo sciovinismo. La guerra è anche nemica della democrazia. È la strada più breve verso la dittatura, l’autocrazia e l’oligarchia. La guerra significa più sfollamenti, aggressione e stupro per le donne. La guerra significa distruzione dell’ambiente. Minaccia tutti gli esseri viventi, non solo umani.

La solidarietà è un’arma contro la guerra

Tutte le forze che lottano per la democrazia nel nostro paese devono unirsi contro la guerra. È una necessità imperativa della lotta per la democrazia, fermare questa guerra e impedire il massacro dei popoli e che i baroni della guerra diventino ancora più forti. Per questo dobbiamo mostrare la massima solidarietà.

Ritirare le truppe ora – preservare il diritto all’autodeterminazione

A Donetsk, Lugansk e in tutta l’Ucraina, i civili vengono uccisi, le persone vengono sfollate in massa. Tutte le forze di guerra e di occupazione devono essere ritirate dalla regione e il diritto dei popoli all’autodeterminazione deve essere riconosciuto. L’imperialismo e il fascismo hanno raggiunto un tale livello di follia e disperazione, che sembra stiano prendendo in considerazione anche l’uso di armi nucleari. Hiroshima, Nagasaki, Vietnam e Halabja sono avvertimenti storici contro queste forme di guerra criminale. Non staremo a guardare! Ora è il momento di alzare la nostra voce contro la guerra e per la pace e la fratellanza!”

Potrebbe interessarti





Fonte: Infoaut.org