Gennaio 21, 2023
Da Radio Ondarossa
157 visualizzazioni

31 lavoratori impiegati nel magazzino Kamila di Parma sono stati sospesi in via cautelare dalla cooperativa MD service. A Cesena un lavoratore è stato licenziato ed altri due iscritti all’Adl Cobas sono stati sospesi nel magazzino Astercoop dopo aver scioperato. Entrambi i magazzini riforniscono i supermercati coop dell’Emilia-Romagna di prodotti coop. il motivo di queste sospensioni e licenziamenti? Essere iscritti al sindacato Adl Cobas, aver scioperato e aver difeso un collega da una lettera di contestazione senza alcun fondamento. Lo sciopero era stato fatto per il riconoscimento del sindacato Adl Cobas che conta oltre il 30% di iscritti nei vari magazzini; per un’applicazione dei corretti livelli di inquadramento contrattuale; per una richiesta di indennità integrativa a fronte del crescente carovita. Nei magazzini Kamila di Parma è in corso una vertenza che avanti dal maggio 2022 per la presenza di varie irregolarità tra cui livelli di sotto inquadramento ancor più gravi di quelle attuali, iper sfruttamento della manodopera in termini di ore mensili e colli da dover movimentare e mancato pagamento di infortunio, malattia e di parecchie ore di straordinario. Le cooperative presenti nel magazzino di Cesena e di Parma continuano a creare un clima di tensione e paura all’interno dei luoghi di lavoro: oltre alle sospensioni e licenziamenti, si aggiungono contestazioni disciplinari prive di fondamento e atteggiamento di controllo esagerati al lavoro. Sentiamo un rappresentante sindacale sill’appuntamento di oggi davanti ai supermercati coop nelle principali città dell’Emilia-Romagna per sensibilizzare i clienti, i soci e denunciare le gravi condizioni di inquadramento contrattuale e di agibilità sindacale.




Fonte: Ondarossa.info