97 visualizzazioni


Ancora una volta, lo stato israeliano organizza e copre l’uccisione di uomini e donne palestinesi.

Alla fine di aprile, sono state chiamate per omicidi e attacchi che hanno lasciato molti feriti, nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme. Dal 2 maggio, 13 famiglie di questo quartiere, territorio occupato da Israele, sono state minacciate di sfratto per far posto ai coloni. Il 6 maggio, l’esercito israeliano ha ucciso un ragazzo palestinese di 16 anni vicino a Nablus. Dal 7 maggio, i palestinesi che si recano alla moschea di Al Aqsa a Gerusalemme sono sottoposti a violenti attacchi da parte dell’esercito israeliano. Gli attacchi aerei dell’esercito israeliano sulla Striscia di Gaza hanno provocato più di 20 morti, compresi i bambini, e decine di feriti∙.

Questi eventi drammatici e sanguinosi si aggiungono alla persecuzione quotidiana da parte delle forze di occupazione che va avanti da decenni.

  • Le organizzazioni membri della Rete Sindicale Internazionale di Solidarietà e di Lotta lottano contro il colonialismo, il razzismo, il fascismo, l’apartheid, le violazioni dei diritti umani, per il diritto all’autodeterminazione dei popoli e quindi del popolo palestinese.
  • Sosteniamo la lotta del popolo palestinese, le sue richieste e la sua richiesta di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni contro lo stato colonizzatore.
  • Attraverso i nostri compagni dei sindacati palestinesi membri della Rete, inviamo tutto il nostro sostegno al popolo palestinese e invitiamo a partecipare ai raduni e alle manifestazioni che si stanno tenendo in molte città del mondo in questi giorni.



Fonte: Laboursolidarity.org