Luglio 20, 2021
Da Le Maquis
93 visualizzazioni


Edito da Reconstruir, Buenos Aires, Dicembre 1960, 68 p.

Augustin Souchy, militante anarchico, sindacalista e giornalista, venne invitato nella prima metà del 1960 a Cuba dal governo per testimoniare al mondo la nuova Ley de Reforma Agraria e il miglioramento dei contadini. In quanto studioso dei problemi agricoli, Souchy aveva scritto un opuscolo sui Kibbutz israeliani e, quindi, Castro e il suo governo si aspettavano un avvallo di questa riforma agraria.
L’anarchico tedesco girò tutta l’isola, analizzando quello che vedeva. Il ritratto che ne fece Souchy fu totalmente negativo: mancanza di libertà, disillusione centralizzazione e dirigismo.
L’opuscolo in questione è una delle prime testimonianze anarchiche sulla rivoluzione cubana e su quello che sarebbe diventata nei decenni successivi.

Link Download: https://mega.nz/file/XZhEzZzS#y74zCJdyrfIlJfpsVUkrtQP19mvakIAlv1ICAE88Zyk

Note dell’Archivio
-Testo in Spagnolo




Fonte: Lemaquis.noblogs.org