Novembre 21, 2020
Da Libertà è Partecip/Azione Diretta
66 visualizzazioni


“Al termine di un immenso viale lussuoso e deserto,
addossata alle colline che fanno da corona al Tibidabo, ecco Pedralbes, la grande
caserma di fanteria di Barcellona. Da Pedralbes partì, il 19 luglio, la rivolta.
Ma i soldati non ubbidirono e gli ufficiali sopravvissuti furono trasportati sull’Uruguay,
prigione navigante. Oggi Predalbes è il centro di formazione delle milizie popolari,
delle colonne anarchiche Ascaso, Aguiluchos, Rojo y Negro. Durruti è già partito.
Sperava di entrare a Saragozza prima che la resistenza si organizzasse. Invece i
primi reparti, attaccati sulla strada dall’aviazione, dovettero fermarsi. Non ha
nulla della caserma, Predalbes, benché sia una caserma modello. È un immenso castello
rococò, diviso in vari edifici e torrioni, che fa pensare a uno scenario di cartone
e stucco.

Sarebbe orrendo, se non si adagiasse su questi colli,
immerso nel sole allucinante e nell’azzurro mediterraneo.

Il terrazzo ed il portico d’ingresso brulicano di gioventù.
Per chi sale a Predalbes coi ricordi di una grigia caserma piemontese, è il capogiro,
il carnevale, tale è il tumulto di gente che va e viene, senza meta apparente.

Comunione non solo morale ma fisica. Si vive, ci si tocca,
ci si urta, ci si sposta in gruppo. La vita del singolo resta inghiottita dalla
moltitudine. Ma che vita. Anche lo scalone che a destra porta al comando rigurgita
di umanità. Abiti civili, tute marroni, grigie, bleu; guerrieri col fucile, pistolone,
pugnale; uomini fatti, ragazzi, miliziane, col fazzoletto rosso e nero al collo,
e bandiera della FAI e CNT”.

(Tratto dal diario di Carlo Rosselli in data 12 agosto 1936)

 

Carlo Rosselli, classe 1899, rampollo di una facoltosa
famiglia ebraica, era scappato dal confino di Lipari nel luglio del ’29; giunto
a Parigi aveva fondato il movimento Giustizia e Libertà.




Fonte: Achatnuarproduction.blogspot.com