Dicembre 15, 2022
Da Inferno Urbano
300 visualizzazioni

Riceviamo e pubblichiamo:

Assediati dal carovita, stanchi di tirare la cinghia, abbiamo deciso di allentarla. Il 14 dicembre Fratelli d’Italia ha organizzato una cena di partito al ristorante Il Pianaccio colla ministra Daniela Santanchè. La location non ci stupisce, avendo scelto un noto porco sfruttatore – con tutto il rispetto per la sus scrofa domesticus – per scambiare gli auguri di Natale, d’altronde come si dice a Spoleto “u porcu sporcu sporca u porcu pulitu”. Anche se c’è da chiedersi chi sia il più pulito tra i due.

I padroni ci sfruttano tutto l’anno, e quelli del Pianaccio sono tra i più infami, per una sera ci siamo ripresi una parte del loro ladrocinio quotidiano. Siccome non ci bastano né il pane né le rose, abbiamo optato per tartufi, vino e carni prelibate. Quello di stasera è solo un assaggio dell’esproprio integrale che attende alla borghesia. D’altronde, chi lo dice che la rivoluzione non è un pranzo di gala? Oggi Il Pianaccio, domani il Twiga!

Spoleto, 15/12/2022
Alcuni affamati
Anarchici al Pianaccio




Fonte: Infernourbano.altervista.org