Febbraio 1, 2021
Da Oltre Il Ponte
246 visualizzazioni

Con il passare del tempo stanno emergendo testimonianze sempre più agghiaccianti relative a ciò che è successo nelle carceri italiane nel marzo 2020. Sebbene la gravità rappresentata dalla morte di 13 persone (il ministro Bonafede affermò come fossero morti tutti di overdose) sarebbe stata di per sé sufficiente per suscitare un moto di rabbia e indignazione nel Paese, lo Stato d’eccezione conseguente alla pandemia ha messo in secondo piano la morte di 13 uomini, evidentemente considerati poco importanti e per cui non valeva la pena di fare nemmeno una distratta interrogazione parlamentare. Anzi, la solidarietà verso i prigionieri è stata criminalizzata al punto che ad esempio un PM di Bologna ha messo in piedi per l’occasione un’assurda, ma altresì preoccupante inchiesta “antiterrorismo” contro gli anarchici bolognesi mettendo sotto accusa la loro mobilitazione solidale con i prigionieri in lotta. L’ennesima operazione di criminalizzazione del dissenso che lo stesso Pm D’Ambruoso insieme ai Carabinieri, aveva definito di carattere preventivo. Un’operazione di psicopolizia insomma.

La protesta dei detenuti al carcere di San Vittore a Milano

A 20 dai fatti del G8 di Genova e dalle torture praticate dalla polizia nella caserma di Bolzaneto ed alla scuola Diaz si conferma come all’interno dello Stato italiano esistano sempre più spazi in cui le istituzioni agiscono al di fuori ogni vincolo legale. In particolare ciò avviene nelle carceri, luogo per eccellenza in cui vige l’arbitrarietà più totale, ma anche nei Centri di identificazione ed espulsione (CIE). In ogni caso militanti antagonisti, sindacalisti di base, carcerati e immigrati costituiscono gli obiettivi principali della violenza di Stato: essi rappresentano un “nemico interno” contro cui, all’interno di una cornice che garantisce impunità e protezione ai responsabili di violenze e repressione, tutto è permesso.

Dopo le rivolte del marzo 2020, nei primi mesi, il timore di subire rappresaglie da parte dell’amministrazione penitenziaria o degli stessi secondini, aveva impedito che gran parte delle testimonianze uscisse ma il passare del tempo, unito alla solidarietà dall’esterno ed al coraggio di alcuni detenuti che hanno avuto la forza di rompere il muro del silenzio e della paura, sta facendo scricchiolare il muro dell’indifferenza, e particolari sempre più agghiaccianti stanno emergendo.

Appare sempre più chiaro come i giorni dopo la rivolta la polizia penitenziaria abbia messo in atto una vera e propria rappresaglia su scala nazionale contro rivoltosi ed in generali i carcerati. Anche la puntata della trasmissione Report trasmessa il 18 gennaio 2021 su Rai3 dimostra come i familiari dei detenuti -non necessariamente coinvolti nelle rivolte- fossero al corrente fin da subito della mattanza in atto nelle carceri.

Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere così come in quello di Foggia le squadrette di secondini hanno massacrato i detenuti praticando di fatto estese forme di tortura attraverso una sistematica violenza fisica e psicologica. Ricordiamo come Matteo Salvini della Lega e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia diedero subito la propria solidarietà ai secondini indagati per i pestaggi e le torture inflitte ai detenuti; infatti furono proprio loro fra i più strenui avversari dell’introduzione del reato di tortura nell’ordinamento giuridico italiano che a loro dire “avrebbe impedito alle forze dell’ordine di lavorare”.

Un ulteriore tassello che va ad aggiungere conferme alle drammatiche vicende nelle carceri post-rivolta è costituito da una lettera anonima scritta dal carcere di Rieti nel giugno 2020 che racconta la rivolta avvenuta anche lì e la successiva vendetta dei secondini.

“Ma ciò che più vi voglio raccontare sono i giorni della rivolta, il perché e i soprusi subiti. Gli amici lasciati morire e i morti, e i feriti, e di come hanno provato a piegarci anche nell’animo. Abbiamo iniziato la rivolta per la solidarietà verso gli altri detenuti e per i nostri diritti negati senza motivo o almeno senza rassicurazioni ma per una semplice imposizione di ignoranza da parte delle istituzioni e della direzione carceraria. Era il 9 marzo. Prima della chiusura abbiamo sfondato telecamere e cancelli del carcere senza toccare uno solo degli assistenti, anzi dando loro la possibilità di scappare. Abbiamo preso il controllo del carcere arrivando fino sopra l’edificio, abbiamo contrattato con le istituzioni a lungo perché ci garantissero risposte, rassicurazioni, diritti, infine abbiamo deciso, dopo diverse ore, di restituire il carcere e il controllo alle istituzioni col patto di raggiungere un intesa e che non ci fosse fatto nulla, come noi non avevamo fatto a loro fisicamente. Siamo rientrati nelle celle di nostra volontà restituendo il carcere. Alcuni di noi si sono feriti durante la rivolta, altri hanno avuto accesso a farmaci pericolosi come il metadone che era in una cassaforte nell’infermeria con le chiavi attaccate, chiavi che se fossero state tolte avrebbero salvato vite. Ma non è bastato tutto questo, nel giorno a seguire e nei mesi fino a oggi abbiamo passato e ho visto ogni genere di sopruso, abuso di potere. Per cominciare la sera stessa chi è stato male per le medicine non è stato subito portato all’ospedale e infatti i 4 morti lo sono perché dopo che noi li abbiamo consegnati ai dottori e istituzioni finché ricevessero assistenza. Hanno subito un primo soccorso e sono stati riportati a morire in una cella soli e in preda ai dolori, abbandonati come la spazzatura. Che solo il giorno successivo chi era sopravvissuto ha ricevuto assistenza ed è stato portato in ospedale, chi non ce l’ha fatta, non ce l’ha fatta perché è stato lasciato morire senza un motivo o perché forse ancora non se ne aveva uno per farlo vivere. Con la speranza di cancellare tutto, di nascondere ciò che era successo……..Comunque per noi che invece eravamo lì nei giorni a seguire non è stato facile dopo aver portato via i cadaveri il giorno successivo, trascinati come immondizia in un sacco, e ciò lo dico perché l’ho visto con i miei occhi dalla cella,sono saliti i celerini, le squadrette carcerarie. Sono entrati cella per cella, ci hanno spogliato chi più chi meno e ci hanno fatto uscire con la forza, messi divisi in delle stanze e uno alla volta passavamo per un corridoio di sbirri che ci prendevano a calci,schiaffi e manganellate; per i più sfortunati tutto ciò è durato quasi una settimana tra perquisizioni, botte, parolacce, ci dicevano “merde, testa bassa!” “vermi” e quando l’alzavi per dispetto venivi colpito ancora più forte. Ricordo che per due giorni non passò neanche da mangiare e prima di cinque non avevamo potuto contattare neanche i nostri familiari. Io stesso sono stato in una cella allagata, bagno rotto dalle perquisizioni, nella merda più totale che c’era nella cella ho dormito in una palude senza coperte o zozze e bagnate; per tutti quei giorni ho provato a gridare, lamentarmi ma o mi veniva detto: “è quello che meriti merda” o venivo picchiato dalle squadre di celerini. Sono stato fortunato perché ho visto gente trascinata fuori senza denti o svenuta per le percosse, ho urlato a chi lo faceva per prendere anche la mia parte ma fortuna e caso sono ancora qua, altri, invece, non ci sono o sono stati trasferiti lontano e i più sfortunati hanno preso altre botte all’arrivo di un altro istituto. Abbiamo subito tutti in quei giorni, alcuni meno, altri più. Ci hanno tolto o volevano toglierci la dignità, ma voglio dirvi una cosa, non ce l’hanno fatta perché anche in quei giorni ci davamo manforte, c’erano risate, c’era la voglia di alzare la testa anche se ci veniva spinta giù con la forza, di guardare anche se ci veniva detto di non farlo, non ci siamo arresi mai e siamo ancora qua con la voglia di vivere e di ridere ma con la consapevolezza e il ricordo di ciò che è stato e degli amici persi e dei torti subiti in nome della loro giustizia che giustizia non è, ad oggi ci troviamo chiusi 20 ore su 24, 2 ore alla mattina 2 dopo pranzo, non ci sono attività ricreative così biblioteca, palestra, niente. Beh ci sarebbe tanto da dire ma ho cercato di esprimere il più come potevo. Ora vi saluto e vi ringrazio…..”.

Teniamo alta l’attenzione sull’evolversi della situazione per i detenuti, costruiamo la solidarietà per Mattia Palloni, Claudio Cipriani, Ferruccio Bianco, Francesco D’Angelo e Cavazza Belmonte che hanno avuto il coraggio e la forza di denunciare i drammatici fatti accaduti nel carcere di Modena.




Fonte: Oltreilponte.noblogs.org