173 visualizzazioni
TECNOLOGIA OCCIDENTALE NEI MISSILI RUSSI?
Quelli che seguono sono brani estratti da testate specializzate e descrivono una situazione per qualcuno inaspettata: i sistemi d’arma russi sono equipaggiati con tecnologia microelettronica occidentale, prevalentemente statunitense. E’ questa tecnologia che fa sì che, ad esempio, un missile a lunga gittata raggiunga il suo bersaglio con precisione. La Russia non è in grado di produrre tali componenti e deve ( ha dovuto ) procurarseli all’estero con operazioni di spionaggio industriale e militare in quanto l’accesso certi mercati è precluso allo stato russo. Sarebbero state utilizzate delle triangolazioni, con aziende non russe ad acquistare i componenti per non rendere visibile il reale destinatario.
Gli articoli sono piuttosto interessanti; rimane però una perplessità: è possibile che un’operazione di proporzioni molto vaste e che durerebbe da molto tempo non sia stata notata da nessuno e che solo le recenti analisi sul terreno ucraino abbiano portato alla luce la cosa?
Io risponderei di no….
“Si sapeva che lo spionaggio industriale e tecnologico (S&T) sovietico, e poi russo, non si fosse mai veramente fermato. Ma nessuno aveva immaginato quanto e fino a che punto.
I debiti alla tecnologia occidentale e americana sono immensi. È quanto mostra uno studio del Royal United Services Institute for Defence and Security, Silicone Lifeline (2022). Lo studio del RUSI, tra i cui autori ci sono James Byrne (direttore dell’Open-Source Intelligence and Analysis) e dr Jack Watling (Senior Research Fellow), è stato condiviso dalla BBC, Bloomberg e affiancato in esclusiva dalla Reuters. Il Team RUSI ha scrutinato 27 sistemi d’arma differenti trovandoci almeno 450 diversi tipi di componenti di fabbricazione estera (non russa).
La maggioranza di questi componenti sono di origine americana e specificamente di due delle maggiori aziende del settore dei microcircuiti e microcomponenti per calcolatori di precisione (tra cui Texas Instruments, Analog Devices e Xilinx). Le aziende di cui i Russi si “servono” illecitamente per raggiungere le qualità e quantità richieste per produrre sistemi missilistici locali (poi rivenduti anche a potenze straniere) sono le migliori in termini assoluti del mercato dei microcircuiti. Almeno 55 sono le aziende europee di cui si è trovato traccia nei sistemi d’arma russi ispezionati, tra cui l’Olanda (SNXP Semicodunctors) e la Svizzera (con l’Italo-Francese STMicroelectronics) sono le principali seguite dalla Germania, Francia e Regno Unito. Sono stati trovati anche componenti provenienti da aziende asiatiche come Giappone, Taiwan, e Sud Corea. Cina e Singapore pure hanno un ruolo fondamentale nella produzione di tali tecnologie strategiche per i sistemi d’arma.
Lo studio evidenzia, infatti, la dimensione della dipendenza della tecnologia del settore da parte della Russia, che ancora non riesce a produrre microchip di pari qualità o, comunque, non in quantità sufficienti a garantire un prolungato sforzo bellico per quanto riguarda le munizioni ad alta precisione sia di missili da crociera di tipo Kalibr, Kh-101 e Iskander 9M727 (foto). Questo “mercato” del microcircuito occidentale di preferenza U.S. è legale? Naturalmente non lo è.”
( Difesa online )
_____________________________________________________
La sera del 29 luglio, i razzi russi hanno colpito la città di Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina, uccidendo cinque persone e ferendone altre sette. L’esercito ucraino afferma che la città è stata attaccata dal sistema di lanciarazzi multipli Tornado-S.
Le immagini delle conseguenze mostrano danni a numerosi edifici residenziali. Il modulo di controllo di uno di questi razzi da 300 mm è stato scoperto relativamente intatto nel mezzo di un parco giochi per bambini.
All’inizio di quest’anno, il personale della RUSI che ha condotto ricerche sul campo in Ucraina ha ispezionato un modulo di controllo recuperato dallo stesso sistema missilistico, che possiede un sofisticato sistema di guida satellitare a bordo per garantire che il razzo sia preciso fino a una distanza di 120 km. Un attento esame del sistema di guida satellitare ha rivelato che molti dei suoi microelettronici critici sono stati prodotti da società statunitensi.
Un esame di altri sistemi d’arma russi utilizzati in Ucraina ha rivelato che contengono grandi volumi di microelettronica di fabbricazione straniera.
Il personale e i partner della RUSI hanno ispezionato 27 sistemi d’arma russi e pezzi di equipaggiamento militare persi o esauriti dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022.
In collaborazione con Reuters, RUSI ha identificato almeno 450 componenti microelettronici unici all’interno di questi sistemi prodotti da società con sede negli Stati Uniti, in Europa e nell’Asia orientale.
La preponderanza di componenti di fabbricazione straniera all’interno di questi sistemi rivela che la macchina da guerra russa dipende fortemente dalle importazioni di sofisticata microelettronica per funzionare efficacemente.
Ciò nonostante gli sforzi persistenti del governo russo per sostituire le importazioni – in tutti gli aspetti della sua economia, compreso il settore militare – con materiali di produzione nazionale per resistere alle sanzioni internazionali.
Dei 450 componenti trovati dalla RUSI nei sistemi militari russi, 318 sembrano essere stati realizzati da società statunitensi. Nelle apparecchiature esaminate dal gruppo di ricerca erano presenti anche componenti provenienti da Giappone, Taiwan, Svizzera, Paesi Bassi, Germania, Cina, Corea del Sud, Regno Unito, Austria e altri.
L’analisi di RUSI di questi componenti microelettronici rivela che la stragrande maggioranza sembra essere stata progettata e prodotta da 57 aziende con sede negli Stati Uniti. Tuttavia, sembra che oltre 200 dei componenti siano stati prodotti solo da 10 di queste aziende.
Non si può escludere la possibilità che alcuni componenti recanti i loghi di noti marchi di microelettronica occidentali e asiatici siano contraffatti. Tuttavia, la ben documentata dipendenza storica della Russia dalla tecnologia occidentale e il ruolo fondamentale che alcuni dei componenti svolgono nell’efficace funzionamento dei sistemi in cui sono stati trovati, ha portato il team di ricerca a presumere che i componenti siano probabilmente autentici.
I prodotti con il logo del produttore di microelettronica Texas Instruments con sede a Dallas erano i più numerosi tra i componenti di fabbricazione statunitense recensiti dalla RUSI. In totale, 51 componenti unici di Texas Instruments sono apparsi nei sistemi e nelle apparecchiature militari russi esaminati dal team di ricerca.
Componenti apparentemente prodotti da Texas Instruments sono stati scoperti nell’UAV “kamikaze” KUB-BLA, un drone bersaglio E95M, un UAV Orlan-10 e una serie di apparecchi radiofonici utilizzati dall’esercito russo.
Tra i 450 componenti, circa il 18% è coperto dal regime statunitense di controllo delle esportazioni per la loro possibile applicazione nei sistemi militari.
Tali componenti controllati dall’esportazione hanno potenziali applicazioni militari e sono assegnati a un numero di classificazione del controllo delle esportazioni (ECCN). Gli articoli con un ECCN avrebbero richiesto una licenza del governo degli Stati Uniti per l’esportazione in Russia, anche prima dell’invasione della Crimea nel 2014.
Gli articoli che non erano considerati a duplice uso sarebbero rientrati in una classificazione EAR99, il che significa che non richiedevano una licenza per l’esportazione in Russia prima dell’invasione del 2022.
Tuttavia, agli esportatori sarebbe stato comunque richiesto di garantire che questi articoli non fossero dispiegati per usi finali militari. La presenza di un gran numero di articoli classificati EAR99 e di alcuni ECCN nell’equipaggiamento militare russo suggerisce che questi componenti siano stati acquistati da produttori di apparecchiature militari da distributori in Russia, che siano stati acquistati con certificati di utente finale falsi o che fossero deviato per applicazioni militari in un momento successivo.
Ma la Russia – e l’Unione Sovietica prima di essa – ha una lunga storia di acquisti illeciti di tecnologia occidentale per l’integrazione nei suoi sistemi militari, con operazioni che spesso coinvolgono i servizi di intelligence e di sicurezza russi.
I servizi di intelligence e sicurezza russi e sovietici sono impegnati da decenni in sforzi per acquisire sofisticate tecnologie occidentali. La linea X del KGB – parte della direzione T, che era responsabile della raccolta di informazioni scientifiche e tecniche dell’agenzia – è un esempio di questi sforzi. Operando dalle ambasciate dell’Unione Sovietica, centinaia di ufficiali della linea X avevano il compito specifico di acquisire la tecnologia occidentale, inclusa la microelettronica.
Con il supporto e i dati dell’Altana Atlas , la RUSI ha esaminato quasi un milione di casi di microelettronica e importazioni correlate alla microelettronica in Russia tra il 2017 e il 2022. In alcuni casi, sembra che componenti occidentali possano essere stati prodotti o trasbordati in paesi terzi .
I paesi identificati nei dati commerciali come esportatori di prodotti legati alla microelettronica includono Cina, Stati Uniti, Germania e Regno Unito.
La pratica del trasbordo di merci attraverso paesi terzi è una tattica comune utilizzata dagli agenti di appalto per offuscare il vero destinatario di merci sensibili e controllate.
Nel giugno 2022, il Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato tre persone e una società di Hong Kong denominata EMC Sud Limited per aver presumibilmente operato come parte di una rete di appalti segreti collegata all’FSB russo. Secondo quanto riferito, uno degli individui sanzionati stava acquistando di nascosto elettronica per la base industriale della difesa russa da Stati Uniti, Giappone ed Europa.
L’invasione russa dell’Ucraina non è andata secondo i piani e l’esercito del paese deve spendere grandi volumi delle sue armi e attrezzature per piccoli guadagni. Considerando la preponderanza di componenti fabbricati in Occidente e in Asia orientale in questi sistemi, la Russia non ha una chiara alternativa per la produzione interna di componenti analoghi, né la sostituzione delle importazioni sarebbe sufficiente a compensare i volumi necessari per sostituire quelli spesi o persi in Ucraina .
Di conseguenza, il paese potrebbe dover progettare o produrre sostituti meno capaci o impegnarsi in attività di elusione delle sanzioni per acquisire i componenti necessari. Capire come la Russia elude le sanzioni per importare tecnologia critica offre l’opportunità di uno sforzo multinazionale per ridurre la sostituzione degli strumenti russi di aggressione militare.
( Royal United Services Institute )



Fonte: Ponte.noblogs.org