237 visualizzazioni

Sindacato: “Non si vuole ammettere che la mobilità cittadina non è in grado di garantire il necessario livello di sicurezza”. Intanto viale Aldo Moro rinvia a ottobre lo stop definitivo alla circolazione dei veicoli diesel Euro 4 che sarebbe scattato in questi giorni.

08 Gennaio 2021 – 17:58

“Si continua a evitare di mettere mano in modo serio alla penosa e pericolosa situazione dei mezzi pubblici che, puntualmente, tornano a rappresentare il principale nodo di trasmissione della pandemia. Gli studenti e gli addetti alle attività scolastiche di ogni ordine e grado sono i primi a farne le spese, costretti alla didattica a distanza, a turnazioni disordinate, a provvedimenti inconcludenti e inefficaci; il tutto perché non si vuole ammettere che la mobilità cittadina non è in grado di garantire il necessario livello di sicurezza”. Lo scrive l’Unione Sindacale di Base.

Prosegue il sindacato: “Se infatti sul mezzo c’è un ‘positivo’ che non indossa o indossa male la mascherina, il virus sarà comodamente trasportato nelle case, nelle scuole, nelle fabbriche e negli uffici. Davanti alla banalità dei fatti, dalla ministra dei trasporti De Micheli fino ad arrivare all’assessore regionale Corsini si preferisce però perdersi tra le carte all’affannosa ricerca di studi scientifici a sostegno della sua colpevole inerzia. Arrivando ad affermare che ‘il rischio di infettarsi sui mezzi pubblici non è ancora stato studiato a fondo’. Si decide perciò di introdurre il limite al 50% della capienza dei mezzi; poco importa se non siano previste né figure di controllo, né sanzioni. Si arriva a promettere la presenza della Protezione civile alle fermate dei bus per contingentare l’accesso e/o provvedere a far arrivare un mezzo aggiuntivo ‘entro 4 minuti’. Ci domandiamo che tipo di rapporto abbiano con la realtà, perché è evidente che stanno annaspando per sfuggire a gravi responsabilità per un servizio pubblico essenziale abbandonato a sé stesso, per giunta divoratore di denaro pubblico, che garantisce profumati profitti a una miriade di aziende private, appaltatrici e/o sub appaltatrici intenzionate solo a fare cassa”.

“Non possiamo più permettere – si legge in conclusione – che le annose carenze di un sistema incapace di tutelare i lavoratori e la collettività siano sanate a colpi di provvedimenti emergenziali, rimandando alle calende greche la soluzione dei problemi. Non possiamo più sottostare alle puerili imposizioni delle associazioni datoriali, dotate di grandi capacità quando si tratta di intercettare i finanziamenti pubblici ma di scarse o nulle competenze nella gestione e nella garanzia dei servizi essenziali. È necessario tornare a mobilitarsi per un piano di messa in sicurezza e potenziamento dei servizi pubblici essenziali, quelli che servono a tutti, quelli che devono diventare il cuore della gestione di questa drammatica fase oggi, e del suo superamento domani”.

E mentre il trasporto pubblico resta in difficoltà, la stretta sui veicoli inquinanti può aspettare, ancora: sarebbe dovuto scattare in questi giorni lo stop definitivo alla circolazione dei veicoli euro 4, invece è stato nuovamente rinviato da viale Aldo Moro, al prossimo ottobre. Uno slittamento “dovuto solo alle limitazioni nazionali per il Covid”, assicura l’assessore Irene Priolo, per quanto il nesso non paia così immediato da cogliersi. I veicoli di categorie più inquinanti, invece, non potranno circolare da lunedì prossimo e fino al 30 aprile e non fino al 30 marzo come era stato inizialmente previsto.




Fonte: Zic.it