Gennaio 19, 2022
Da Inferno Urbano
296 visualizzazioni

Riceviamo e diffondiamo:

IN UN MONDO DI SICUREZZA SANITARIA IL MALESSERE DILAGA…

E’ iniziato un nuovo anno e con esso una nuova vita, fatta di obblighi vaccinali, del pass verde da esporre con rigore, qualsiasi cosa tu abbia da fare, favorendo la vita del costante tracciamento.

Ora più che mai la nostra vicinanza va a chi, costretto nelle carceri, subisce quotidianamente da ben prima dell’emergenza di Stato, la repressione che molti di noi stan provando in questi bui tempi.

Tempi ancora più bui per chi si ritrova rinchiusa tra le quattro mura dello Stato, iniziando dal fatto che tutte le ostentazioni sanitarie che vengono fatte rispettare severamente qui fuori, li dentro, da inizio pandemia, non hanno mai contato nulla. Il sovraffollamento delle carceri Italiane è un argomento noto da anni a tutti, e stare in 8 o più in una stanza non è proprio la norma sanitaria prevista. Da due anni ormai i colloqui sono un lusso, quando nessuno nel carcere ha il covid vengono fatti, ma solo dietro un plexiglas, ed ovviamente il visitatore deve essere munito di “carta verde”… I contagi nelle carceri italiane (compresa Trieste) sono in continuo aumento, e nessuno sembra destare preoccupazione per tutti quei detenuti già aventi patologie. Nonostante qualcuno ci abbia già rimesso la pelle.

DI CARCERE IN UNA MANIERA O NELL’ALTRA SI MUORE!

PER DAR VOCE A CHI NON CE L’HA – VIVA LA LIBERTA’!

Presidio al Coroneo, Sabato 22 Gennaio, ore 15.00 – Via Coroneo, Trieste

Assemblea permanente contro il carcere e la repressione FVG

Associazione “Senza sbarre” c.p.129, 34121 Trieste




Fonte: Infernourbano.noblogs.org