Novembre 21, 2020
Da Filomena *filo* Sottile
60 visualizzazioni


L’anno scorso, proprio in questi giorni, uscivo con un lungo post che celebrava il primo compleanno dello spettacolo La punk spiegata alla nonna e annunciava i progetti futuri. I transiti della punk continuano e ho diversi progetti in cantiere, ma quest’anno sarĂČ piĂč laconica. Il periodo non Ăš dei piĂč semplici, complice lo strappo del lockdown (ancora non sono riuscita a metabolizzarlo) e l’incertezza per il futuro che pesa (anche) su di me come performer, scrittrice, lavoratrice nel comparto culturale e aspirante bibliotecaria.

La locandina della prossima data al Vis Rabbia di Avigliana

La punk e Il decoro illustrato hanno ripreso timidamente a girare, negli spazi che coraggiosamente e fra mille difficoltĂ  stanno riaprendo i battenti, affiancate da Mostre & fiere e dalle presentazioni di La mostruositrans.

Come giĂ  annunciato qui, per il mese di agosto non ho preso date, ma non sono inoperosa. Il cantiere di Mostre & Fiere Ăš ancora aperto, prendo appunti per altri due futuri progetti e, soprattutto, sto collaborando a un libro autobiografico (non mio!) che mi entusiasma molto e di cui mi riservo di parlare piĂč avanti. Nel frattempo, si cominciano a delineare appuntamenti per l’autunno. Rimanete sintonizzatu (qui nella colonna di destra gli appuntamenti piĂč prossimi e nelle pagine degli spettacoli i calendari aggiornati) e sentitevi liberu di contattarmi per proposte.

In attesa di vederci di nuovo, alcune segnalazioni.

* Il 22 luglio scorso avrei dovuto esibirmi al campo femminista organizzato ad Agape. Il campo, causa restrizioni pandemiche, non si Ăš svolto in presenza. Alle persone invitate Ăš stato chiesto di mandare un breve contributo audio. Ho montato brani sparsi di Mostre & Fiere e di La mostruositrans e ne Ăš venuto fuori questo.


* Sul blog di Lavoro Culturale ù uscito in due puntate (1 e 2) un pezzo ancora una volta importantissimo di Wolf Bukowski. che ribadisce che le politiche del decoro sono tutt’uno con l’azione di rapina del capitale. Alla fine della prima puntata ù incastonata una mia breve testimonianza.

* VenerdĂŹ 24 luglio, prima della trasferta lombarda che mi ha portata a Pisogne (BS) e Mantova, ho fatto una chiacchierata con Pamela Cardinali sulle frequenze di Radio Onda d’urto. Fra le altre cose Pamela mi ha chiesto di esprimermi sulla bagarre suscitata sui social e sui media dalle scelte stilistiche operate per la stesura di Postporno da Valentine aka Fluida Wolf e positivamente commentate dalla linguista Manuela Manera. Ho risposto a caldo piĂč o meno le solite cose: se soggettivitĂ  altre rispetto al maschio eterocis non compaiono nel linguaggio, significa che le escludiamo dall’esistente. Ma noi soggettivitĂ  altre ci siamo e quindi impariamo a nominarci e occupiamo lo spazio di cui abbiamo bisogno anche nell’immaginario e nel linguaggio.
Poi, nei giorni successivi, mi Ăš venuto da pensare ancora un’altra cosa. Lo sconcerto di chi dice che “tuttu non si puĂČ sentire” e “gli asterischi non sono belli” si inquadra nella stessa logica di chi commentando l’aspetto di un’altra persona dice “Quella ragazza con quegli shorts non si puĂČ vedere”. A questi custodi dei sacri confini della lingua e della maschia estetica italica dico: il vostro purismo non Ăš altro che normativitĂ  posta a difesa del vostro privilegio. Mettetevi il cuore in pace, continueremo a sperimentare forme linguistiche che rendano conto della nostra esistenza, a vestirci come ci pare, ad aprirci i nostri spazi di libertĂ .

* Il 30 luglio al campeggio giovani No Tav, Valentine aka Fluida Wolf e io abbiamo fatto una doppia presentazione di Postporno e La mostruositrans. Ne ù venuta fuori una chiacchierata fiume, ricca, stimolante e con un sacco di interventi. Era presente anche Adriano Allora che da quell’incontro ha tratto spunto per scrivere un breve compendio della presenza trans nella letteratura fantastica. Lo trovate qui.

* L’artivista queer Giannino, ispirandosi a una scena di Mostre &Fiere, ha fatto un disegno potente che parla del nostro ineusaribile desiderio di magia e di una delle azioni attraverso le quali lo esaudiremo. ChecchĂ© ne pensi J.K. Rowling.

“Occupy Hogwarts”, disegno di Giannino Dari. Clicca per ingrandire

* Nel ricordare che ho un canale Telegram dove potete ricevere gli aggiornamenti del blog e alcune altre brevi (e assai sporadiche) breaking news. Mi preme segnalare due canali amici. Se ancora non lo fate vi invito a seguire:

Ok, credo di aver detto quasi tutto. Passato questo mese, tornerĂČ a esibirmi. RicomincerĂČ da dove ho lasciato il 31 luglio, dalla Valsusa: il 4 settembre sarĂČ al Vis Rabbia di Avigliana. Ci vediamo lĂ 




Fonte: Filosottile.noblogs.org