Luglio 19, 2022
Da Infoaut
266 visualizzazioni

Riprendiamo di seguito l’appello di due compagn* attualmente presenti in Siria del Nord-Est sulla ripresa dell’offensiva turca nei confronti della Rivoluzione Confederale.

||||



.itemImageBlock { display: none; }

VIDEOAPPELLO DALLA SIRIA DEL NORD-EST PER I DIECI ANNI DELLA RIVOLUZIONE DEL ROJAVA E CONTRO LA GUERRA DELLA TURCHIA

Ciao a tutte, tuttx, tutti.

Attualmente mi trovo nel territorio dell’Amministrazione democratica della Siria del Nord-Est, nella regione del Rojava.

Il 19 luglio ricorre il decennale dell’inizio della rivoluzione confederale, cominciata in Rojava nel 2012. I risultati che questa rivoluzione ha conseguito in questi anni, un esperimento politico ecologista, femminista, democratico e socialista unico al mondo, sono ora seriamente in pericolo per l’intensificazione della guerra e delle aggressioni che questa esperienza ha sempre dovuto fronteggiare da parte dei suoi nemici, primo tra tutti la Turchia di Erdogan.

Gli attacchi non sono mai davvero finiti, così come l’occupazione militare turca di alcune zone, le attività dei gruppi jihadisti, l’embargo o altre forme di sabotaggio e di aggressione diretta alle condizioni materiali di vita della popolazione di questo territorio e una nuova invasione turca è stata annunciata come imminente. L’intenzione è di distruggere completamente questa esperienza ma il movimento democratico è deciso a difendersi e difendere i risultati sociali di questi ultimi anni con valore e determinazione.

I paesi della Nato sono complici e sodali con l’azione della Turchia.

Per questo, nell’ambito dell’attivazione della solidarietà internazionale, io e Gemma Nicola, compagna con la quale mi trovo qui e a cui mi lega il comune impegno nel sostegno internazionale alla rivoluzione confederale e nella diffusione dei suoi valori, rivolgiamo questo appello a organizzarsi e organizzare in occasione dell’anniversario del 19 luglio forme di pressione e di protesta contro i nostri governi complici e contro la guerra della Turchia per rompere il silenzio sui sanguinosi e crudeli attacchi quotidiani che colpiscono il modello più virtuoso di società e di convivenza civile esistente ai nostri giorni.

Diffondete e organizzatevi, lunga vita alla rivoluzione confederale

Potrebbe interessarti





Fonte: Infoaut.org