Ottobre 29, 2021
Da Infoaut
112 visualizzazioni


Vengono ancora commessi crimini di guerra nel Kurdistan che è stato sottoposto ad attacchi chimici per un secolo.

||||

.itemImageBlock { display: none; }

La storia è piena di atrocità contro popoli indifesi da parte di stati sovrani. Tra le pratiche brutali utilizzate contro i popoli la più grande minaccia è l’uso di armi chimiche. Le armi chimiche, che si sono diffuse con gli sviluppi dell’industria chimica, sono utilizzate dagli stati contro i popoli. Sono state introdotte leggi, meccanismi e organizzazioni internazionali per impedire l’uso di armi chimiche. Sfortunatamente, vediamo che gli attacchi chimici continuano a verificarsi poiché queste organizzazioni non adempiono ai loro obblighi. Soprattutto quando si tratta dei Curdi…

SECOLARE “MASSACRO CHIMICO” IN KURDISTAN

Il Kurdistan è una delle terre in cui le atrocità compiute dagli stati per i loro interessi si vedono permanentemente. Massacri con armi chimiche sono stati compiuti dal 1920 e crimini di guerra sono stati commessi nel Kurdistan, che è stato diviso in quattro parti e sottoposto alle politiche arbitrarie degli stati.

A metà degli anni ’20, le forze britanniche hanno ucciso 5-10 mila curdi con gas tossici lanciati da aerei da guerra per sopprimere la resistenza di Şêx Mahmudê Berzencî a Sulaymaniyah. Durante il genocidio di Dersim del 1937-1938, 70.000 persone furono uccise dai gas velenosi usati dalla Turchia. Il regime di Saddam attaccò la città di Halabja, vicino al confine iraniano nel Kurdistan iracheno, con gas velenosi il 16 marzo 1988. Almeno cinquemila persone, la maggior parte delle quali erano donne e bambini, furono uccise nell’attacco. L’attacco è stato chiamato “il massacro di Halabja” nella storia recente.

I RAPPORTI RIVELANO L’USO DI ARMI CHIMICHE DA PARTE DELLA TURCHIA

Un rapporto pubblicato dall’Associazione per i diritti umani (IHD) il 26 agosto 2011 e intitolato “Sulle accuse di uso di armi chimiche e biologiche durante il conflitto armato in Turchia” ha detto che 437 membri del PKK sono stati uccisi da armi chimiche usate 46 volte durante l’intenso conflitto tra il 1994 e il 2011.

Le armi chimiche hanno ferito decine di persone, compresi i bambini, durante le operazioni nella regione di Afrin nel 2018-2019. Questo attacco chimico è stato riportato anche nei rapporti delle Nazioni Unite. È stato anche rivelato che l’esercito turco ha usato armi chimiche in un’operazione lanciata il 23 aprile 2021 nelle regioni di Zap, Metîna e Avaşîn nel Kurdistan meridionale. L’attacco chimico in questione è stato riportato dal quotidiano britannico Morning, con immagini di combattenti del PKK che hanno perso la vita e interviste a funzionari del KCK.

Inoltre, secondo il centro stampa delle Forze di difesa del popolo (HPG), l’esercito turco ha effettuato 138 attacchi chimici negli ultimi 5 mesi, che hanno causato la morte di numerosi combattenti HPG. Il 4 settembre, una famiglia è stata gravemente danneggiata in un attacco chimico nel villaggio di Hirore, e l’ufficio iracheno delle Squadre Cristiane di Pace ha riferito che i problemi di salute della famiglia sono il risultato dell’attacco chimico.

Recentemente è stato riferito che l’esercito turco sta ancora una volta utilizzando armi vietate.

Organizzazioni femminili, politici, scrittori e avvocati hanno reagito all’uso di armi chimiche da parte della Turchia, sollecitando l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) a intervenire. Le dichiarazioni sono frequenti e le proteste sono inscenate in molte parti del mondo contro l’uso di armi vietate da parte della Turchia.

PERCHÉ L’OPCW RIMANE IN SILENZIO?

Il più grande ostacolo nell’affrontare la questione del disarmo è l’incapacità delle istituzioni internazionali. Soprattutto quando si tratta dei curdi…

L’OPCW tace sulle richieste delle organizzazioni non governative, tra cui l’HPG e la KCK di “avviare un’indagine” dopo che l’esercito turco ha fatto frequentemente ricorso alle armi chimiche in Kurdistan.

Le relazioni dell’OPCW, con sede all’Aia, in Olanda, con lo stato turco sono state criticate dopo l’incursione turca contro Gri Spi (Tal Abyad) e Serêkaniyê (Ras al-Ain) nell’ottobre 2019. L’ambasciatore della Turchia all’Aia, Şaban Dişli, avrebbe donato 30.000 euro all’OPCW in un momento in cui sono state rilasciate dichiarazioni riguardanti l’uso di armi chimiche contro i civili da parte dell’esercito turco in questo attacco. L’OPCW proibisce l’uso di tutti i tipi di gas chimici, compresi i gas lacrimogeni usati dalla polizia in manifestazioni pubbliche in aree chiuse come le grotte militari. Tuttavia, dopo l’attacco di invasione dell’esercito turco a Garê tra il 10 e il 13 febbraio 2021, il ministro della difesa nazionale turco Hulusi Akar ha confermato che l’esercito turco ha usato solo “gas lacrimogeni”. L’OPCW non ha avviato alcuna indagine dopo la conferma di Akar.

Tradotto da https://anfenglishmobile.com

Potrebbe interessarti




Fonte: Infoaut.org