Gennaio 11, 2022
Da Il Manifesto
43 visualizzazioni


A quasi due anni dall’inizio della pandemia, ogni qualvolta la diffusione della malattia supera una determinata soglia, è sempre come fosse la prima. Il tracciamento dei contagi diventa impossibile, l’accesso alla diagnostica tramite tamponi si fa complicatissimo, l’assistenza territoriale risulta insufficiente, le attività ospedaliere slegate dal Covid sono limitate agli interventi salva-vita, i mezzi di trasporto si trasformano in luoghi di contagio privilegiato, scuole e università sono ridotte alla didattica a distanza.

Due anni sono lunghi. Se è evidente che la forza d’impatto della pandemia era inizialmente imprevedibile, è altresì evidente che le giustificazioni fatte valere allora, al tempo della prima ondata, non possono più valere oggi, quando l’ondata che abbiamo innanzi è oramai la quarta. Due anni senza che nulla sia stato fatto per potenziare strutturalmente il sistema sanitario, limitando l’ambito d’intervento alle assunzioni pro-tempore. Due anni senza che nulla sia stato fatto per decongestionare le scuole, lasciando invariato il numero delle classi e disponendo i necessari distanziamenti solo ove possibile.

Due anni senza che nulla sia stato fatto per incrementare la capacità operativa dei trasporti locali, inchiodati ai già inadeguati livelli precedenti al Covid. Cosa ancor peggiore, già si lavora alacremente per il ritorno all’età pre-pandemica. Altro che niente sarà più come prima: come prima, più di prima! Mi limito a due questioni, particolarmente significative.

I documenti previsionali del Governo prevedono che nel 2024 la spesa sanitaria si attesterà, rispetto al Pil, a un livello inferiore rispetto a quello del 2019. I numeri sono chiarissimi: dal 6,5% del 2019 si scenderà al 6,3%. Una delle più basse tra i Paesi Ocse, sotto la soglia che l’Oms considera il minimo perché un sistema sanitario possa realmente funzionare. Ha ragione Arturo Scotto, definire Articolo 1 «sinistra sanitaria» è del tutto fuori luogo. Ma non perché il movimento guidato da Speranza abbia operato anche al di là dell’ambito sanitario: bensì, perché, pur avendo nello stesso Speranza il ministro della Salute, non ha realizzato nessun cambiamento strutturale nemmeno in ambito sanitario.

Contestualmente, Governo e Parlamento hanno deciso l’incremento della spesa militare, che toccherà quest’anno il record di 26 miliardi euro, con un incremento di quasi 5 miliardi rispetto al periodo pre-pandemico. Compreremo nuove armi per 8 miliardi di euro, era davvero necessario? È probabile che nessun cittadino italiano, nemmeno un elettore della Lega o di Fratelli d’Italia, interrogato oggi su dove sia preferibile investire le risorse pubbliche, se in armi o in ospedali, risponderebbe in armi. Solo i mille asserragliati a Montecitorio e a Palazzo Madama potevano rendere una simile decisione. Così come solo loro potevano farsi sbugiardare nientemeno che dal presidente di Confindustria sulla manovra fiscale.

Nella lettera di fine anno indirizzata agli iscritti, Bonomi bolla come un «paradosso incredibile» l’aver destinato il taglio dell’Irpef ai redditi alti, anziché concentrarlo a vantaggio di quelli medi e bassi. Sia pure da una diversa prospettiva – non quella della giustizia sociale, ma quella dell’incremento dei consumi a beneficio delle imprese – è una denuncia che coincide perfettamente con quella proveniente dalla Cgil. Si tratta davvero di un «paradosso incredibile»: quello di una classe politica così asservita a quelli che lei stessa immagina essere i propri padroni da andare oltre ai loro stessi desiderata, finendo paradossalmente per scontentarli. Quando si dice essere più realisti del re… Il fatto è che abbiamo a che fare con un potere sempre più chiuso nel suo mondo e sempre meno connesso con la realtà. Una situazione che inizia a fare paura.




Fonte: Ilmanifesto.it