Aprile 15, 2022
Da Le Maquis
250 visualizzazioni

Edito da Raffaello Cortina Editore, Milano, 2007, 88 p.

Un saggio sull’accecamento, estetico e politico, nell’”illuminismo” della nostra contemporaneità caratterizzata dalla sovraesposizione massmediatica, dove il sensibile è diventato il fotosensibile e l’oggettività una teleobiettività. È questa l’ultima provocazione di Paul Virilio, dopo le riflessioni sul simulacro, sulla velocificazione del tempo, sulla dematerializzazione dello spazio pubblico, sull’ordinarietà dell’incidente e della catastrofe nella perenne condizione collettiva di “panico freddo” subentrata alle tensioni della “guerra fredda”. Nella società della globalizzazione, in cui la visione dell’osservatore si trasferisce agli innumerevoli canali video che illuminano il suo abitare, in una fatale distrazione dal mondo circostante, dalla percezione in situ e in visu, “l’arte di vedere” diventa infatti la prima vittima. E l’arte contemporanea, essa stessa mediatica e audiovisiva, non è più, come sosteneva Paul Klee, ciò che rende maggiormente visibile, bensì l’arte di un accecamento. Paul Virilio, tra gli autori più originali nel panorama filosofico contemporaneo, è noto principalmente per i suoi studi sullo sviluppo della tecnologia in relazione al potere, all’urbanistica, all’arte.

Link Download: https://mega.nz/file/yRxX0YQD#Hh5HEvdc8WeeF26vMlxdNEzP0fCOhVqDgtNEUQlxibQ

Nota dell’Archivio
-Traduzione del libro “L’Art à perte de vue”, Editions Galilée, 2005




Fonte: Lemaquis.noblogs.org