Gennaio 9, 2022
Da Le Maquis
213 visualizzazioni

Edito da Studio Forma, Torino, 1980, 274 p.

Amos Vogel propone in questo libro una curiosa quanto affascinante chiave di lettura della storia del cinema dalle origini all’undeground cui fa da unico conduttore il fenomeno della visione, visto nell’impatto psicologico e a volte addirittura fisiologico dell’immagine sullo spettatore e la parte quindi importantissima, che l’immagine, il fotogramma, la sua “costruzione” interna ed esterna (montaggio), ha svolto e continua a svolgere nella storia del cinema, nel sovvertire tabù e valori morali e istituzionali imposti dalla tradizione.
Dopo un’introduzione in cui vengono analizzati i fattori culturali e tecnologici che hanno permesso l’affermarsi del cinema “come arte sovversiva”, nelle quattro parti del volume vengono di volta in volta esaminati i mezzi formali ed extra formali tramite i quali si è svolta e continua ancor oggi tale sovversione. Infine un’ultima parte, costituita dalle schede accuratamente compilate, dei film presi in esame nei singoli capitoli, offre un manuale di consultazione pratico e di non poca importanza. Per la prima volta un libro sul cinema dove il discorso non viene fatto per “belle” immagini, ma tramite il “montaggio” e il taglio particolare dato a queste per arrivare a una chiara lettura visiva oltre che testuale.

Link Download: https://mega.nz/file/KJQDCQYZ#lvwgb-3AS_U0yDCHzate7J7C_Vy2WPUzgSvBnm6dTZE

Nota dell’Archivio
-Traduzione del libro “Film as a Subversive Art”, New York, 1974




Fonte: Lemaquis.noblogs.org