Gennaio 24, 2023
Da Recommon
284 visualizzazioni

Martedì 7 febbraio | 17.30/19 CET – online 

Clicca qui per registrarti

L’iniziativa europea per la ripresa e resilienza (Recovery and Resilience Facility) rappresenta un’importante iniezione di finanziamenti pubblici nell’economia dei paesi membri. È stata presentata come una risposta alla crisi economica conseguente alla pandemia di COVID-19 in chiave “green”. Purtroppo uno sguardo ai diversi piani nazionali di ripresa e resilienza (PNRR) e altri investimenti pubblici proposti dai governi rivela una situazione molto diversa, spesso caratterizzata da mega-infrastrutture definite ben prima della pandemia, o comunque funzionali a un modello economico insostenibile dal punto di vista ambientale, climatico e sociale, decise senza un’adeguata partecipazione da parte dei territori, che rischiano di aggravare la crisi invece che di favorirne una trasformazione in chiave di giustizia sociale.

In questo incontro guarderemo a  due grandi infrastrutture italiane: la nuova diga foranea di Genova, finanziata dal PNRR italiano e l’allargamento del passante autostradale di Bologna, infrastruttura pubblica presentata come simbolo della transizione ecologica. Volgeremo, inoltre, lo sguardo verso l’Estonia, con la testimonianza dell’Estonian Green Movement sull’infrastruttura Ferrovia Baltica, finanziata anch’essa dal PNRR estone. Ascolteremo alcune proposte alternative presentate dai territori, da una prospettiva di giustizia economica, climatica e sociale, che fungeranno da stimolo per uno scambio allargato alle/ai partecipanti nella seconda parte dell’incontro.

Interverranno:

  • Filippo Taglieri, ReCommon: Il caso della nuova diga foranea di Genova
  • Maurizio Würtz, Biologo: L’impatto della diga sull’ambiente marino e la biodiversità
  • Luca Tassinari, Comitato “No Passante” (Bologna): Le ragioni del No e le alternative dal basso
  • Johanna Kuld, Estonian Green Movement:  Il finanziamento del Fondo Ripresa e Resilienza per la controversa Ferrovia Baltica

Modera l’incontro: Eva Pastorelli, CEE Bankwatch Network

Il webinar è realizzato nell’ambito del progetto “Citizens’ Observatory for Green Deal Financing”, finanziato da EACEA (European Education and Culture Executive Agency) ed è il primo appuntamento di una serie che continuerà nei prossimi mesi.

La partecipazione è gratuita. Per partecipare, registrati qui.

È prevista la traduzione simultanea in lingua inglese.




Fonte: Recommon.org