Ottobre 30, 2022
Da Inferno Urbano
240 visualizzazioni

La biblioteca anarchica “Fermento” chiude i battenti in Zweierstr. 42 a Zurigo alla fine di ottobre.

Dopo più di 10 anni, e tre cambi di sede, la biblioteca anarchica “Fermento”, comprendente l’archivio e la sezione dedicata alla distribuzione anarchica, sarà messa in deposito. Questo non vuol dire che non sarà più accessibile, ma temporaneamente non avrà più orari di apertura e lasceremo la sede attuale in Zweierstr. 42 a Zurigo entro la fine di ottobre.

Ricordiamo gli innumerevoli incontri e le discussioni con persone vicine e lontane. Presentazioni di libri e proiezioni di film, momenti in cui persone provenienti da lotte e progetti diversi si sono incontrate per scambiare idee, pubblicazioni e molto altro… tutto questo per attaccare il dominio con le sue diverse sfaccettature.

Al momento non sappiamo cosa succederà alla biblioteca anarchica “Fermento”. Ma sappiamo che continueremo ad approfondire e a rafforzare le nostre idee per combattere ogni autorità.

La distruzione del nostro pianeta, e quindi delle basi della vita di ogni essere libero e autodeterminato, la guerra e la militarizzazione, lo stato di emergenza e la conseguente totalizzazione della nocività tecnologica e la continua sorveglianza delle nostre vite, sono solo alcune delle ragioni più evidenti per distruggere il mondo del dominio!

Un saluto solidale a tutti i prigionieri anarchici rinchiusi nelle prigioni delle autorità!

Un saluto solidale a tutti i compagni anarchici in fuga dal dominio!

Ci incontreremo di nuovo da qualche parte!

Ora e per sempre: per l’anarchia!

Alcuni dalla biblioteca anarchica “Fermento”.

P.S.: L’indirizzo e-mail [email protected] rimarrà attivo per il momento, per domande e suggerimenti, ma soprattutto continuate a inviarci le vostre pubblicazioni anarchiche via e-mail. Saremo felici di inviarvi un indirizzo di posta per le versioni stampate. Se avete ancora dei libri in prestito contattateci.

Fonte: actforfree.noblogs.org

Traduzione: Inferno Urbano




Fonte: Infernourbano.altervista.org